Cani
News
A SETTIMO TORINESE

Sfrattati, dormono in strada e spariscono con i loro cani

La padrona ha cambiato la serratura della soffitta in cui vivevano

Hanno vissuto per mesi, forse anni, in una mansarda da sei metri quadrati: due uomini e due cani. Quando le guardie zoofile, su delega della procura, hanno fatto irruzione nel bugigattolo insieme ai carabinieri, si sono ritrovati di fronte a una scena che rappresenta bene la fase di crisi e miseria che molti torinesi stanno vivendo in questo periodo: vestiti ammassati in un cantuccio, un bagno inagibile, soltanto un letto a disposizione, e nel metro quadrato libero rimasto a terra, sporcizia e due ciotole per abbeverare i cagnolini.

Quando i carabinieri hanno portato in caserma la coppia, che da mesi non paga l’affitto alla proprietaria della mansarda, quest’ultima ha cambiato la serratura della porta. Morale: l’uomo e la donna, tornati a casa, e rimasti sfrattati, sono rimasti a dormire per terra, sulla strada, tutta la notte, con i cani.

L’ultima storia di povertà che tocca Torino arriva dalla sua cintura e accade a Settimo. Lunedì mattina, nel residence che i due adulti occupavano, sono entrate le guardie zoofile di Agriambiente, i veterinari dell’Asl e i carabinieri. La delega arriva dalla procura di Ivrea, che ha ricevuto segnalazioni su presunti maltrattamenti verso i cagnolini. I veterinari dell’Asl hanno constato che gli animali sarebbero sani, impedendo il sequestro.

Le guardie zoofile invece hanno notato un contesto difficile: due cani non potrebbero vivere in uno sgabuzzino sporco, ma d’altronde neppure i loro padroni, che senz’altro hanno bisogno di aiuto. Dopo essere stata sfrattata, e aver dormito per strada, la coppia è stata rifocillata dalla Croce rossa e poi è sparita, insieme ai cani. L’inchiesta resta aperta: spetterà agli inquirenti valutare se le condizioni degli animali siano compatibili con il loro benessere. Anche i due, disoccupati, avrebbero bisogno di aiuto.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo