Artista
Cultura
CIRCOSCRIZIONE IV

Serrande e dissuasori d’artista tra Campidoglio e San Donato

Le iniziative artistiche in piazza Paravia e via San Rocchetto

Serrande e dissuasori di cemento diventano opere d’arte contro la vivisezione degli animali e a sostegno del rapporto “uomo-ambiente”. La duplice iniziativa – i panettoni dipinti da Alice Arduino e le serrante artistiche realizzate da Pino Ruberto insieme al Mau (Museo di arte urbana) e Lav (Lega antivivisezione) – hanno il comune scopo di rendere più belli due luoghi della Circoscrizione 4 molto cari ai residenti: la sede della Lav e piazza “sociale” Paravia.

Le quattro serrande appena dipinte all’angolo tra via Balme e via San Rocchetto rappresentano una “nuova veste” artistica per la Lav ma hanno anche un intento di denuncia sociale. «Abbiamo accolto con piacere l’invito della Lav che trasmette un tema importante, contro la vivisezione: le immagini di animali che rispecchiano nei loro occhi le gabbie in cui vengono rinchiusi» spiega Edoardo Di Mauro presidente del Mau, il museo a cielo aperto di borgo Campidoglio che conta ben 184 murales». L’opera verrà inaugurate domani alle 17.30 nell’ambito dell’evento “Ma come ti vesti?” a cui parteciperanno anche realtà della moda sostenibile.

Puntano invece sugli esseri umani e sulle relazioni con l’ambiente i sei nuovi dissuasori appena realizzati da Alice Arduino in piazza Paravia. Ciascun’opera ha un proprio nome e significato. “Universo”, “Connessioni”, “Inconscio”, “Fantasie”, “Prospettive” e “Natura”. «L’arte diventa un mezzo sociale per generare bellezza, creare dialogo e favorire gli incontri con i residenti. Oltre ad avere la funzione di rendere i dissuasori più visibili agli automobilisti». L’artista, che ha partecipato al progetto del Comune “Torino creativa”, ha dovuto pagare di tasca propria vernici ecologiche e resistenti all’acqua, ricevendo però il sostegno di molti residenti che hanno effettuato donazioni tramite crowdfunding.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo