PoliziaBorgofranco
News
BORGOFRANCO Aveva occupato una baita usata per le vacanze

Senzatetto aggredisce gli agenti: bloccato con lo spray urticante

I poliziotti hanno riportato contusioni guaribili in cinque giorni

In modo bizzarro aveva risolto la sua situazione abitativa. Gli era bastato forzare una baita disabitata nel periodo invernale per prenderne possesso. Salvo poi aggredire i poliziotti che lo volevano far uscire; così un 22enne romeno senza fissa dimora è infine diventato ospite delle patrie galere, mentre i due poliziotti sono finiti al pronto soccorso dell’ospedale di Ivrea per essere medicati.

Nei giorni scorsi, un cittadino italiano proprietario di una baita a Borgofranco d’Ivrea, da lui utilizzata principalmente nel periodo estivo, si è rivolto agli agenti del commissariato di Ivrea dopo aver saputo che all’interno della sua proprietà si era probabilmente introdotto e stava pernottando un individuo.

Gli agenti, raccolta la denuncia, hanno raggiunto immediatamente l’abitazione, riscontrando effettivamente che la serratura della porta d’ingresso era stata forzata. Prima di entrare gli agenti hanno anche notato dalle finestre che la baita era abitata, visto che in una stanza si potevano notare dei vestiti appoggiati sul letto, la stufa a legna accesa, e del disordine in cucina.

E poiché nessuno rispondeva dall’interno, gli agenti, dopo essersi qualificati, sono entrati nella casa, dopo aver atteso l’intervento dei vigili del fuoco. Una volta all’interno, la violenta aggressione da parte di un uomo che li aspettava nell’ombra e che non si è fatto scrupolo di impugnare qualsiasi oggetto contundente trovasse sottomano per guadagnare un’improbabile fuga.

Nonostante i colpi ricevuti, i poliziotti – che riporteranno entrambi lesioni giudicate guaribili in 5 giorni – sono riusciti, grazie allo spray urticante in dotazione, a rendere inoffensivo il giovane. Si tratta di un ventiduenne rumeno, senza fissa dimora, con precedenti specifici. Gli agenti lo hanno arrestato per violazione di domicilio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e lo hanno denunciato per aver fornito false generalità.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo