Fonte: Depositphotos
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO

Se non clicchi non lecchi

Immaginate un negozio che nel periodo dei saldi esponga in vetrina e sugli scaffali preziose maglie in cachemire coi prezzi fortemente scontati. La clientela accorre, ma appena qualcuno si avvicina a una maglia scontata, se non l’afferra subito e va in cassa una commessa si precipita a cambiarne il prezzo, aumentandolo. Vi sembra una scena assurda? Invece è quello che capita regolarmente quando cerchi su Internet un volo low cost nei siti specializzati. O clicchi subito su “acquista” oppure, se torni a cercare quel volo pochi secondi dopo, te lo trovi fortemente aumentato. Questa è solo una delle politiche di vendita semi-sleali di cui non ci rendiamo conto, o che subiamo senza protestare. Ma nel mercato libero protestare è inutile. Il mercato è un’entità sensibilissima ed eterea, che risponde alle due leve domanda/offerta, ma patisce le tante sottoleve capaci di modificarle. Basta una voce, un’aspettativa, per far crescere la domanda, e di conseguenza i prezzi. L’abbiamo visto all’esordio del Covid con le mascherine: le chirurgiche da 0,50 euro (comprate in Cina a 0,05) arrivarono a costare 10 euro l’una. La concessione dei bonus per le ristrutturazioni (altro esempio) ha dato ossigeno all’edilizia minore, ma ha fatto aumentare spaventosamente i costi delle materie prime e i preventivi delle imprese. Dell’energia non parlo, perché in questo campo, oltre alla lotta fra fossile da una parte e solare, eolico, idroelettrico e nucleare dall’altro, sono in gioco immensi interessi economici e delicatissimi equilibri politici internazionali. Dei quali però saremo noi a fare la spesa con aumenti paurosi delle bollette. Davanti a ciò, il trucchetto del “clicca subito” sui voli è un’inezia.
collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Buonanotte
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo