Immagini di degrado urbano
Cronaca
CORSO SVIZZERA

Scippi, degrado e occupazioni: «Attorno al mercato è il caos»

Allarme sicurezza da tre associazioni di cittadini e comitati civici

Borseggi, strisce pedonalifantasma”, atti vandalici, rifiuti sparsi ovunque e ubriachi che occupano le panchine di piazza ZamenhofIn una parola: «Insicurezza». Con questo stato d’animo vivono i residenti, i commercianti e gli ambulanti di corso Svizzera. «In questa zona i furti di borse e collanine sono all’ordine del giorno, sono necessari più passaggi da parte delle forze dell’ordine» spiega Federica Fulco, presidente del comitato TorinoinMovimento a cui si sono rivolte varie “vittime” di aggressioni. A tal proposito il capogruppo della Lega in Circoscrizione 4, Carlo Emanuele Morando, ha presentato un’interpellanza sul tema per chiedere di «stroncare sul nascere questo fenomeno che non va preso sotto gamba», augurandosi che «non ci siano correlazioni con i nuovi “ospiti” abusivi di corso Lecce». Il riferimento riguarda le occupazioni degli appartamenti Atc da parte di famiglie rom e marocchine. Ma a preoccupare è anche la mancanza di manutenzione del suolo pubblico e degli attraversamenti pedonali che appaiono invisibili e mettono a rischio il transito pedonale. «È inaccettabile che in prossimità di un mercato rionale frequentato da molte persone la segnaletica orizzontale sia totalmente assente – dichiarano il presidente dell’associazione Libertà di Parola, Michele Checa e il segretario del comitato C4 – Torino Bcps, Lorenzo Ciravegna -. Ci auguriamo che il Comune intervenga prontamente ridisegnando le strisce». Non mancano neppure i vandali che hanno devastato i tabelloni dei canestri di piazza Zamenhof e i senzatetto ubriachi che occupano le panchine dietro il campetto accatastando montagne di rifiuti vicino ai bidoni della differenziata. «Sporcano e urinano – protesta il titolare del chiosco affacciato su corso Svizzera -, ogni giorno devo far pulire la piazza di tasca mia. Non se ne può più di questa situazione».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo