LE DICHIARAZIONI

Sci, Cirio: “Politica chieda scusa a lavoratori, ora ristori subito”

Il governatore intervenuto durante una manifestazione a Cuneo: "Fiducioso nell'operato del nuovo Governo"

Il governatore Alberto Cirio

“Credo che la politica debba chiedere scusa agli operatori della montagna, perché quello che è accaduto nel nostro paese è inaccettabile, un’enorme mancanza di rispetto”. Parole del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, intervenuto in mattinata durante una manifestazione dei lavoratori tenutasi a Cuneo contro la chiusura degli impianti sciistici.

“REGIONE DALLA PARTE DEI LAVORATORI”
Il governatore si è rivolto direttamente ai manifestanti presenti in piazza: “I piemontesi non sono abituati a protestare, noi vogliamo lavorare. Se scendiamo in piazza è proprio perché non ne possiamo più, e la Regione in questa lotta è dalla vostra parte. L’emergenza Covid resta un problema nazionale e mondiale, ma la gestione deve essere diversa anche nel rispetto di chi lavora: servono metodi migliori per ripartire in sicurezza. Apprendere dello stop agli impianti 12 ore prima non è assolutamente accettabile”.

“FIDUCIA A DRAGHI, RISTORI SUBITO”
“L’apertura con il nuovo Governo è stata positiva – ha rivelato poi Cirio -. Siamo fiduciosi e auspichiamo che i ristori annunciati arrivino in fretta, ma abbiamo già parlato con il ministro Garavaglia, che ci ha promesso che non capiterà più di prendere decisioni all’ultimo minuto. Draghi sta parlando poco e noi ci auguriamo che questo possa corrispondere a lavorare molto per il bene della nazione”.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single