neve
Cronaca
VALLI

Sci, aprono i primi impianti. Ma la neve sulle piste è poca

Domani aprono le piste al Sestriere, il giorno dopo a Bardonecchia e Prali

«Un vecchio detto piemontese dice: Piuttosto che niente, meglio piuttosto». La battuta di Giovanni Brasso, presidente della Vialattea, riassume al meglio le impressioni degli operatori turistici dopo la timida nevicata del fine settimana sulle montagne torinesi. «Al Sestriere sono caduti circa 20 centimetri di neve – spiega Brasso -. Nulla di eccezionale per le piste ma ottimo per il paesaggio in vista della Coppa del Mondo di questo fine settimana». E comunque abbastanza per dare la prima buona notizia anche a chi gli sci li usa per una giornata di svago e non solo alle migliori atlete del mondo. «Il 7 (domani ndr) apriremo i primi impianti al pubblico – anticipa Brasso -. si tratta di Jolly, Baby e Borgata. Poi, dopo le gare e fino a mercoledì, ospiteremo 4 nazionali che resteranno ad allenarsi al Sestriere e, da giovedì, apriremo anche il Cit Roc, l’impianto appena rinnovato che è la nostra maggiore novità di quest’anno. Per le altre località della Vialattea, attendiamo notizie dai Comuni che gestiscono gli impianti di innevamento artificiale».

Anche a Bardonecchia ci si prepara per l’inizio della stagione. Sicuramente aprirà la zona Baby a Campo Smith ma a ore potrebbero arrivare altre buone notizie: «Stiamo lavorando per aprire da giovedì anche la seggiovia Smith 4 – spiega l’amministratore delegato di Colomion, Nicola Bosticco -. Se le temperature permettono una buona produzione di neve programmata contiamo di aprire anche la seggiovia Pian del Sole».

Per il Ponte dell’Immacolata non si scierà soltanto in Val di Susa. Proprio ieri, dalla Val Germanasca è arrivata infatti la notizia che anche Prali si appresta a riaccogliere gli sciatori. Per ora, però, solo sul Baby, che sarà aperto per tutto il ponte, dall’8 all’11, dalle 9 alle 16.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo