Schuurs
Sport
QUI TORO

Schuurs parla da leader: «Abbiamo dimostrato di essere una squadra»

L’olandese, tra i migliori a San Siro, nel mirino delle big

Non poteva esserci modo migliore per brindare alla prima vittoria del 2023. La squadra di Juric, infatti, ha pensato bene di ottenere il primo successo in questo nuovo anno in una sfida d’eccezione come quella di mercoledì sera alla Scala del calcio di San Siro con il Milan. In dieci uomini, i granata hanno compiuto un’impresa d’altri tempi con un gol a pochi minuti dalla fine dei supplementari, un gol nato sulla corsia formata dai due ex scuola Torcy – la stessa dello juventino Pogba – Bayeye-Adopo.

Un ottimo segnale in previsione della partita di domani allo stadio Olimpico Grande Torino dove è atteso lo Spezia. Un ottimo segnale per provare a vincere anche la prima del 2023 in A: «Per provare a fare qualcosa di più», come dichiarato nelle ultime ore da Cairo. Le prima due sfide post-sosta Mondiale sono terminate con l’identico risultato: 1-1 contro Verona prima e Salernitana poi, nonostante i granata di Juric abbiano dominato in lungo e in largo, specie la seconda sfida.

Contro il Diavolo rossonero, ancora una volta, il Toro ha dimostrato tutta la sua solidità difensiva. A guidare il pacchetto arretrato c’era il gigante olandese Schuurs – uno dei migliori – che con una prova maschia e maiuscola ha neutralizzato a più riprese i corazzieri della squadra di Pioli, di fatto permettendo ai granata di ottenere il primo clean-sheet (partita senza subire gol) in trasferta. Eleganza, tecnica e grande sostanza ha dimostrato di avere Peer “il grande”, altro prodotto del vivaio dei Lancieri dell’Ajax.

Un prodotto a cui stava stretto giocar poco in Eredivisie e che lo scorsa estate ha deciso di sposare la causa granata. Per provare a crescere e a maturare sotto i consigli di Ivan Juric. Neanche cinque mesi e il suo valore di mercato è praticamente più che raddoppiato. Molte le big europee che lo seguono, compresa qualche italiana (l’Inter?). Lui pensa al Toro – per i tifosi è già un idolo indiscusso – e pensa a crescere: «Il successo di Milano ha dimostrato che siamo una squadra e che abbiamo bisogno di tutti», ha detto l’olandese usando parole da vero leader.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo