soccorsi barella 118
News
E’ accaduto sull’A5 tra Quincinetto e Ivrea

Schianto in autostrada: bimba di un anno ricoverata in “codice rosso” al Regina Margherita

L’auto è uscita fuori strada ed è andata a sbattere contro un albero. La piccola è in sala operatoria. Grave la madre

Incidente stradale, questo pomeriggio, sul tratto autostradale dell’A5 (Torino-Aosta) compreso tra Quincinetto e Ivrea, in località Borgofranco d’Ivrea. Una Fiat Grande Punto, con a bordo una famiglia torinese composta dai genitori e dalla figlia piccola di un anno e 3 mesi, è uscita fuori strada al chilometro 39, ed è andata a sbattere contro un albero. La vettura viaggiava in direzione del capoluogo piemontese.

FERITI PADRE, MADRE E FIGLIA PICCOLA
Nello schianto, i tre sono rimasti feriti. La bimba, a quanto pare, è quella più grave. Soccorsa, è stata trasportata in elicottero all’ospedale pediatrico Regina Margherita di Torino dove è stata refertata in codice rosso. La piccola, dopo il ricovero, è stata accompagnata in sala operatoria. Nello scontro ha infatti riportato un grave trauma cranico che ha reso necessario l’intervento neurochirurgico. Dopo l’operazione sarà ricoverata nel reparto di rianimazione.

LA MADRE E’ IN PROGNOSI RISERVATA
Gravi anche le condizioni di salute della madre estratta a fatica dalle lamiere contorte della Panda. Soccorsa, anche lei in elicottero, la donna è stata trasferita al Cto. Nello schianto ha riportato un politrauma e un trauma addominale. In sala operatoria per essere stabilizzata, la prognosi è riservata. L’uomo, in ambulanza, è stato invece ricoverato all’ospedale di Ivrea. A bordo della vettura, a quanto pare, c’era anche un cagnolino, a sua volta rimasto ferito nello scontro.

SI INDAGA PER RICOSTRUIRE LE CAUSE DELLO SCONTRO
Sul luogo dell’incidente, insieme alle squadre del 118, sono giunti anche i vigili del fuoco (che hanno liberato i feriti dalle lamiere). Con loro gli agenti della polizia stradale di corso Giambone e i tecnici di Ativa cui tocca ora il compito di ricostruire la dinamica dell’incidente.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo