(Depositphotos)
Cronaca
Tutti ubriachi

Santa Rita, festeggiano il compleanno e non sentono neppure i poliziotti bussare alla porta: multati

Padrone di casa denunciato per minacce agli agenti, sanzioni per i sette invitati: alcuni si erano nascosti nel box doccia o in un armadio

Domenica notte una segnalazione sull’applicazione della Polizia di Stato “YouPol” ha indicato lo svolgimento di una presunta festa privata in un appartamento in zona Santa Rita. Gli agenti della Squadra Volante si sono recati all’indirizzo indicato, avvertendo già dalla strada schiamazzi e musica ad alto volume.

Giunti dinanzi alla porta dell’alloggio in questione, gli operatori hanno suonato al campanello, qualificandosi, ma la musica era talmente alta da coprire qualsiasi suono proveniente dall’esterno. I poliziotti non hanno ricevuto alcuna risposta, mentre appariva evidente che all’interno si continuava a dar luogo ai festeggiamenti.

Dopo una manciata di minuti alcuni dei partecipanti si sono affacciati dal balcone dell’abitazione notando le vetture di servizio parcheggiate sotto lo stabile, sono trascorsi altri minuti e il proprietario di casa ha aperto l’uscio. Una volta dentro gli agenti hanno acclarato la presenza di sette persone, alcune nascoste nel box doccia, altre nello sgabuzzino e in un armadio a muro. Tutti in un palese stato di ubriachezza.

Nella cucina, riposta sul tavolo, era presente una grossa torta corredata da palloncini con la dicitura “Happy Birthday”, decorata con le iniziali del padrone di casa per il suo compleanno. Accanto alle cibarie campeggiavano cartoni di birra, spumante e bottiglie di prosecco. L’uomo inizialmente non ha declinato le sue generalità e ha iniziato a formulare frasi prima offensive, poi minacciose all’indirizzo dei poliziotti.

L’uomo è stato denunciato per minacce, oltraggio, inosservanza dei provvedimenti disposti dalle Autorità e rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale mentre gli invitati sono stati sanzionati per aver violato le disposizioni atte al contenimento del rischio epidemiologico.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo