Sanremo, boom di ascolti: oltre 12 milioni di spettatori per la serata finale
Spettacolo Tempo Libero
Cala il sipario sull’edizione numero 67 della kermesse canora

Sanremo, boom di ascolti: oltre 12 milioni di spettatori per la serata finale

Con il 58.4% di share è il miglior risultato dal 2002. Ha vinto Gabbani, ma ha fatto molto rumore l’eliminazione di Albano, non apparso all’altezza dei suoi giorni migliori, Ron e Gigi D’Alessio

Sanremo, boom di ascolti per la serata finale del Festival, che ha visto il trionfo a sorpresa di Francesco Gabbani con Occidentali’s karma: la media è stata di 12 milioni 22 mila spettatori con il 58.4%. Si tratta del miglior risultato dal 2002. La finale del festival 2016 aveva ottenuto in media 11 milioni 223 mila spettatori pari al 52.52%.

TANTA GENTE INCOLLATA AL TELESCHERMO
Tanta gente incollata al teleschermo per salutare il successo di Francesco Gabbani, che l’anno scorso vinse tra i “Giovani” e quest’anno ha sbaragliato la concorrenza tra i “Campioni“. Va detto, comunque, come il Festival non sia riuscito a premiare quest’anno, la qualità assoluta, relegando al secondo posto Fiorella Mannoia, super favorita della vigilia e delle ore precedenti la finale.

L’ELIMINAZIONE DI ALBANO HA FATTO MALE
Ha fatto molto rumore l’eliminazione di Albano, che comunque non è apparso all’altezza dei suoi giorni migliori, Ron e Gigi D’Alessio. Giusy Ferreri si è eliminata da sola, cantando malissimo un brano non indimenticabile. E’ difficile capire se si tratta di una svolta generazionale, considerando che l’anno scorso hanno vinto gli Stadio. Probabilmente più che i personaggi sono state premiate le canzoni ed è ormai evidente che per il risultato finale contano le cover e, molto le interpretazioni.

RISULTATI GIURIE DIFFICILI DA ANTICIPARE
Dopo tante riflessioni sui cantanti dei talent favoriti dal televoto, quest’anno arriva un podio di interpreti che non hanno nulla a che fare con i talent. E la vittoria di Gabbani dimostra che ormai i risultati delle giurie di Sanremo sono sempre più difficili da anticipare.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo