gabry ponte
Spettacolo
L’EVENTO

San Giovanni “balla” con Gabry Ponte: dj set di un’ora al castello del Valentino

Lo spettacolo sarà trasmesso in streaming. In programma brani inediti e grandi hit del passato

A far ballare i torinesi a San Giovanni ci pensa Gabry Ponte, che torna a esibirsi dietro la console dal suggestivo cortile del castello del Valentino. «Sono felice perché è un onore riuscire a fare qualcosa per la mia città e perché è un bel segnale per tutto il comparto dopo un anno e mezzo problematico – commenta il deejay -. Spero possa essere un buon segnale di ripartenza anche se non avremo la possibilità di tornare a ballare in piazza». La voglia di fare comunque non manca. «Le restrizioni hanno aperto gli orizzonti della creatività e ci hanno spinti a trovare il modo di fare spettacolo in modo diverso e per raggiungere ancora più persone» aggiunge Gabry Ponte, in conferenza stampa.

Lo show durerà circa 60 minuti e sarà trasmesso in streaming. «Per assicurare la massima resa dello spettacolo le riprese saranno affidate ad una troupe di produzione televisiva e da due droni acrobatici coordinati da una regia mobile» fanno sapere da Palazzo Civico.

Lo spettacolo unirà alcuni grandi successi del deejay torinese a brani inediti. «È la prima volta che facciamo un evento in streaming di questa portata – confida l’artista -. Per me è stato un anno molto produttivo, ho fatto tanta musica nuova e questa è l’occasione per farla ascoltare». Non potrebbe essere più entusiasta dell’ingaggio la sindaca Chiara Appendino. «L’idea – spiega la prima cittadina – nasce dalla volontà di cercare di tornare a vivere San Giovanni e di porre al centro la “torinesità”. Per questo abbiamo voluto che ci fosse un torinese doc, che sarà anche uno dei nostri nuovi ambasciatori. Vogliamo anche dare un segnale a un comparto che ha sofferto tantissimo e l’auspicio è che si possa tornare a vivere la musica in presenza e a stare insieme». A sostenere l’iniziativa c’è il Politecnico, che ha messo a disposizione la location, e Iren. «Per noi è fondamentale contribuire alla ripresa della città che deve essere anche di natura culturale e sociale, non solo economica» il commento del presidente di Iren Renato Boero. E così spazio alla musica di Gabry Ponte che si conferma il deejay italiano più ascoltato al mondo, con oltre mezzo miliardo di streams su Spotify e più di 12 milioni di ascoltatori mensili combinati. «Più degli abitanti dell’intero Piemonte» sottolineano dal Comune.

I fan non vedono l’ora di ascoltarlo. Sono passati più di vent’anni da quando la sua Blue, insieme agli Eiffel 65, scalava le chart mondiali, e da allora Gabry Ponte non ha mai smesso di pubblicare successi. Un esempio su tutti: “Che ne sanno i 2000”, un autentico inno generazionale dedicato ai millennials.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
RUBRICA
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo