blitz-carabinieri
Cronaca
Poi li passavano a officine e carrozzerie

Rubavano auto per vendere pezzi di ricambio: tre arresti a Leinì

In un magazzino ritrovate sei vetture di cui era stata denunciata la scomparsa

Erano specializzati in furti d’auto, che poi non ‘piazzavano’ intere, magari in qualche paese straniero: le smontavano pezzo dopo pezzo e ne vendevano le singole parti a officine e carrozzerie in Italia.

Tre cittadini italiani sono stati denunciati dai carabinieri per ricettazione e riciclaggio. I militari della sezione di Leinì hanno scoperto un magazzino nella cittadina del Torinese, in via Lombardore, che fungeva da deposito di mezzi rubati.

Al suo interno, infatti, erano posteggiate sei auto di cui era stato denunciato il furto – una Jeep Renegade, due Fiat 500X, una Fiat Tipo, una Lancia Y e una Suzuki Vitara – tutte parzialmente smontate, per un valore complessivo di oltre 100mila euro.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo