Rsa
Cronaca
Controlli dei carabinieri

Rsa da incubo nel Torinese: anziana ricoverata in ospedale per scarse cure [VIDEO]

Deferiti il proprietario, il direttore e un’infermiera della struttura

I carabinieri del Nas, d’intesa con il Ministero della Salute, hanno rafforzato i controlli presso le strutture socio-sanitarie e ricettive per anziani e disabili. La campagna è stata pianificata nel periodo di Ferragosto per verificare il rispetto dei livelli di assistenza e di cura in un momento caratterizzato da un aumento della domanda di ospitalità contrapposta a una riduzione degli operatori dovuta alla fruizione di ferie e riposi lavorativi.

Negli ultimi giorni, i Nas hanno ispezionato, sull’intero territorio nazionale, 351 strutture, tra residenze assistenziali assistite (rsa), case di riposo, comunità alloggio e case famiglia, individuandone 70 irregolari, pari al 20% degli obiettivi controllati, contestando 127 sanzioni penali e amministrative, per oltre 40 mila euro.

Tra le violazioni più ricorrenti sono state rilevate carenze strutturali e organizzative delle strutture come la presenza di un numero superiore di anziani rispetto alla capienza massima autorizzata, spesso collocati in ambienti eccessivamente ristretti e situazioni di minore assistenza delle persone ospitate, riconducibili a un numero ridotto di operatori per turno di servizio, in alcuni casi privi di adeguata qualifica e professionalità. Ulteriori inosservanze hanno interessato la normativa antiinfortunistica e di prevenzione degli incendi.

Anche le modalità di preparazione dei pasti per gli ospiti sono state oggetto di controllo.

I Nas hanno deferito il proprietario, il direttore e un’infermiera di una rsa della provincia di Torino, ritenuti responsabili di aver omesso, nel tempo, adeguata assistenza nei confronti di un’ospite, cagionandole disidratazione con scompenso glicometabolico e lesioni da decubito prolungato, che hanno reso necessario il ricovero della donna in ospedale. Nel corso degli accertamenti, i carabinieri hanno sequestrato anche 91 dispositivi medici (pinzette sterili, bende, siringhe monouso e cannule) che erano scaduti.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo