mattarella draghi
Cronaca
LA GIORNATA

Rottura totale, adesso tocca a Draghi: «Un governo di alto profilo per l’Italia»

Fallito il mandato esplorativo di Fico, insuperabile il muro contro muro tra renziani e grillini

Oggi alle 12 Mario Draghi, ex presidente della Bce, salirà al Quirinale per ricevere l’incarico di formare un nuovo governo, un governo «di alto profilo», come detto ieri sera dal presidente Mattarella. I toni usati dal Capo dello Stato sono quelli che possono far definire il nuovo esecutivo che dovrà nascere come autentico governo di salvezza nazionale, perché nei prossimi mesi «o sconfiggiamo il virus o soccombiamo». Sono passate da poco le nove di sera quando Mattarella si presenta davanti ai microfoni, lo sguardo duro, piccoli gesti di tensione. Poco prima il presidente della Camera Roberto Fico aveva dovuto ammettere il fallimento del suo mandato esplorativo: non è possibile formare alcuna maggioranza politica. Troppo netta la frattura consumatasi sui temi proposti, dal Mes alla legge elettorale, ma soprattutto sui nomi: quello di Conte, ma anche quello del commissario Arcuri, dei ministri Bonafede e Azzolina. Tutte posizioni difese duramente dal M5S, ma Italia Viva non ha lasciato spazi di manovra. Soprattutto al Pd sembrato preso tra due fuochi.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo