depositphotos
Cronaca
Fine dell’incubo

Rivoli, chiede immagini intime a una minore: il padre lo scopre e lo denuncia

Il finto “fidanzatino” in realtà è un pedofilo: dopo l’invio delle prime foto e video, l’estorsione e i ricatti

In questi giorni il commissariato di Rivoli ha concluso un’indagine per reati di produzione e cessione di materiale pedopornografico che ha visto come vittima una minore residente nel Torinese. L’operazione, coordinata dalla Procura dei Minori presso il Tribunale di Torino, ha portato all’esecuzione di perquisizioni in tutta Italia e al sequestro di circa 300 immagini di contenuto pedopornografico.

L’operazione, partita lo scorso inverno, nasce dall’attenzione e dall’intuito di un padre che un giorno decide di controllare l’account di un noto social utilizzato dalla figlia. Da un rapido controllo si accorge che la minore da qualche tempo ha una sorta di “fidanzatino”, apparentemente coetaneo, che l’ha avvicinata tramite la piattaforma social e con il quale si sente di frequente.

Una volta conquistata la fiducia della vittima, il soggetto, da lei mai conosciuto personalmente, riesce con la manipolazione psicologica a farsi inviare immagini e video di contenuto pedopornografico, girati dalla stessa con il telefonino. Una volta ottenuto quanto richiesto, il presunto “fidanzatino” passa all’estorsione, minacciandola che se non avesse inviato ulteriori foto e video, il materiale in suo possesso sarebbe stato inoltrato ad altre persone.

La minore non rivela a nessuno quanto sta subendo. Il padre prova a fermare l’utente, dialogando con lui attraverso l’account social, senza successo. Decide così, un pomeriggio di febbraio, di varcare la soglia del commissariato di Rivoli per sporgere denuncia.

L’indagine risulta da subito complessa, a elevato contenuto tecnico. Il reato si è sviluppato infatti nelle fitte maglie della rete informatica, costellata di barriere giuridiche fatte di “account” e “file log”. I poliziotti, coordinati dalla Procura dei Minori del Tribunale di Torino, dopo mesi di lavoro sono riusciti a dare un nome e un cognome al profilo del finto fidanzatino, denunciandolo.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo