machete
Cronaca
VENARIA

Rissa con mazza e machete. Un geometra all’ospedale

All’origine dello scontro ci sarebbe un debito. Arrestate tre persone

Ci sarebbe un debito non pagato alla base della violenta rissa a colpi di machete e mazza da baseball scoppiata domenica scorsa in via Rossini a Venaria. Tre le persone arrestate dai carabinieri della stazione cittadina: si tratta di un operaio 47enne italiano e un romeno disoccupato di 26 anni, entrambi di Moncalieri, e di un geometra di 43 anni, residente nella città della Reggia. Ad avere la peggio è stato proprio quest’ultimo, portato in ospedale a Rivoli e successivamente dimesso con una prognosi di sette giorni per le ecchimosi in diverse parti del corpo. Tutto ha avuto inizio domenica dopo pranzo, quando il geometra è stato contattato da uno dei due per organizzare un appuntamento. E così, un’ora dopo, in via Rossini è arrivata una macchina con a bordo i due moncalieresi decisi a tutti i costi a chiarire la vicenda con il geometra e a ottenere i soldi non ancora riscossi, pari a diverse migliaia di euro. Ma il chiarimento di persona non ha portato a buoni frutti, visto che dalle parole si è passati ai fatti, con tanto di mazze da baseball e machete. La rissa è stata vista e sentita da diversi residenti, che hanno chiamato il 112, ed è grazie a loro se la situazione non si è aggravata, in particolar modo per il geometra, oggetto del raid punitivo da parte dei due. Il pronto intervento dei carabinieri ha consentito di bloccare i tre uomini evitando che riportassero gravi conseguenze fisiche. Sono stati tutti arrestati per rissa. Tutte le armi sono state sequestrate mentre le indagini sono comunque in corso: ancora troppi lati oscuri in questa vicenda.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
LA RUBRICA
Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo