BinariNizza
Cronaca
CIRCOSCRIZIONE 8

Ripartono i cantieri in via Nizza: «Entro Natale rimossi i binari»

La cifra complessiva dell’intervento è di circa 120mila euro

La rimozione dei binari del tram sarà l’atteso regalo di Natale per i cittadini di Nizza Millefonti. Si concluderanno, infatti, per la fine dell’anno i lavori di manutenzione straordinaria partiti lo scorso febbraio in via Nizza, tra piazza Carducci e via Biglieri. In porto andrà l’ultimo tratto, quello tra corso Spezia e via Biglieri, che completerà l’importante riqualificazione stradale. «In queste ore – spiega il presidente della Circoscrizione 8, Massimiliano Miano -, sono ripresi i lavori che abbiamo avviato alcuni mesi fa. Si tratta dell’ultimo lotto». Il primo, ricordiamolo, è stato terminato lo scorso agosto.

Dopo cento anni via Nizza dirà addio ai vecchi binari del tram, dove un tempo transitava la linea 18, diventati al pari di un suppellettile. La lenta riqualificazione che ha portato la metropolitana prima nel quartiere Millefonti, poi al Lingotto e infine al confine con il Comune di Moncalieri, ha imposto gradualmente nuovi scenari, soprattutto dal punto di vista della viabilità in superficie. «Una rimozione già prevista – ha aggiunto Miano -. Ormai su quell’asse corre la metropolitana. È un intervento che costa molto di più rispetto a una semplice asfaltatura ma andava fatto perché via Nizza è troppo importante per la nostra viabilità. Come dimostrano gli interventi di restyling portati a termine negli ultimi mesi».

Era cosa nota a tutti, del resto, la necessità di una messa in sicurezza della pavimentazione. Rovinata da anni di scavi. E con quei binari a lato strada, ormai praticamente inutili. In superficie, infatti, transita la linea 1 mentre ormai da anni il quartiere può contare anche sulla metropolitana che ferma la sua corsa a Bengasi. I cantieri in via Nizza, a dirla tutta, erano già previsti da un anno. A far slittare le operazioni è stato un ulteriore rallentamento, quello del cantiere della pista ciclabile.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo