Volpiano
News
L’INTERVISTA. Il sindaco di Volpiano, Emanuele De Zuanne

«Ripartenza difficile». E i concerti in piazza si spostano sul web

Il Comune aiuta i settori cultura e turismo. «Ora riapriremo anche i cantieri pubblici»

Conclusa l’emergenza sanitaria, ora, è tempo di ripartire. Una fase piuttosto complicata per i sindaci, alle prese con numeri da far quadrare. «I nostri bilanci – spiega Emanuele De Zuanne, sindaco di Volpiano – sono abbastanza inchiodati, tutti quanti i Comuni dovranno verificare la sostenibilità delle loro finanze». A Volpiano, però, l’amministrazione è riuscita a fare “economia” sui fondi arrivati dal governo per l’emergenza alimentare. «Noi, per esempio, – prosegue De Zuanne – abbiamo utilizzato solo la metà dei soldi per i fondi alimentari, ci siamo accordati con Caritas per potenziare un servizio che già avevamo e quindi ancora oggi possiamo distribuire le spese per aiutare le persone in difficoltà. Con i buoni, le cose sarebbero andate diversamente».

Non manca, poi, il plauso verso le tante persone che si sono messe a disposizione in questi mesi. «Solo venerdì – continua – ci sono arrivate le mascherine della Regione eppure l’ordinanza che prevedeva l’obbligo era già uscita. Le abbiamo consegnate con i volontari, tanti giovani che hanno tirato la carretta per 100 giorni di fila.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo