Giorgia Meloni (foto: Depositphotos)
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO

Richiedesi autopunizione

Su Facebook, dopo le elezioni, si leggevano frasi piene di rancore di chi era certo di vincere e invece ha perso. Ne cito due, particolarmente fastidiose: – A) «scoprire chi ha votato a destra è come scoprire chi ha scoreggiato in ascensore» – B) «Se hai votato Meloni, per favore, toglimi dagli amici. Seriamente». Sono un esempio lampante del modo di pensare spocchioso, settario e autoreferenziale dei “progressisti”. La frase A è un messaggio subdolo da persuasione occulta, mostruosità cattolica giunta a noi per via comunista e nazifascista. Il voto è segreto, lo dice la Costituzione, ma a loro, i cabarettisti della politica, basta la battuta. L’immagine usata nel paragone evoca il puzzo, presuppone il dolo clandestino, l’azione un po’ vigliacca ed egoista di chi petta di nascosto. Il lettore ne ride, e nel farlo identifica quel tipo di voto come una cosa schifosa, da non farsi: il giuoco è fatto. La frase B, ancora più antipatica, gronda intolleranza e repulsione verso una parte politica che rappresenta quasi metà degli italiani. Togliere l’amicizia su Fb è sempre, nell’intento di chi lo fa, una punizione, un cacciar fuori dalla propria casa virtuale l’indesiderato con la forza, sbattendogli la porta alle spalle. Ma li peggio non è qui: la frase B non recita “ditemi se avete votato Meloni, che vi punisco togliendovi l’amicizia”. I compagni non si vogliono scomodare a chiedere o indagare, non si vogliono sporcare le mani con l’atto violento dell’espulsione, non si vogliono prendere la responsabilità di prendere un amico per l’orecchio e sbatterlo fuori. Semplicemente chi non la pensa come loro deve vergognarsi e andarsene fuori da solo. Come l’autocritica di staliniana memoria.

collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Buonanotte
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners