Serie di ispezioni in tutto il Piemonte e la Valle d'Aosta

Ricettazione e reato ambientale, due denunce a Chivasso

Indagato in stato di libertà il proprietario di un'autofficina: i controlli nell'ambito dell'operazione "Oro Rosso" della Polfer

Foto Depositphotos

Sessantadue persone controllate durante le 19 ispezioni a depositi di rottami, otto lungo linee ferroviarie e nove su strada: questi gli esiti della “Operazione Oro Rosso”, effettuata dal personale del compartimento della polizia ferroviaria di Piemonte e Valle d’Aosta mercoledì scorso, 4 dicembre: una giornata di controlli straordinari avente lo scopo di contrastare i reati connessi al furto e commercializzazione del rame utilizzato in ambito ferroviario.

Durante le attività è stato effettuato un attento esame di tutti i materiali in giacenza, la rispettiva provenienza e tipologia, comprese le modalità di stoccaggio e conservazione, trattandosi nello specifico di rifiuti con un forte impatto ambientale. È stato appurato a che titolo fossero presenti le persone identificate sui siti di stoccaggio, nel caso non fossero dipendenti, nonché è stata verificata la presenza di idonea autorizzazione a conferire metalli ferrosi.

Le operazioni, che si sono svolte contemporaneamente in tutta la penisola, su disposizione del servizio di polizia ferroviaria di Roma, hanno interessato numerose località delle due regioni e si sono protratte per l’intera giornata. A Torino denunciati per ricettazione in concorso due uomini di nazionalità moldava, dal personale della squadra informativa compartimentale e del posto Polfer di Chivasso, poiché in possesso di un motore di un autoveicolo, risultato provento di furto, appena acquistato nell’autofficina.

Per il medesimo reato, il socio dell’autofficina è stato sottoposto a indagini preliminari in stato di libertà. Il controllo è proseguito all’interno dell’azienda, ove al termine degli accertamenti è stato sequestrato l’intero impianto e tutto il suo contenuto, poiché al suo interno sono stati rinvenuti altre componenti provento di furto, tra cui motori e targhe di autoveicoli. Inoltre è stato contestato anche il reato ambientale.

 

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single