Blitz dei carabinieri

Ricambi scadenti venduti come originali: denunciati in quattro

Il traffico illecito organizzato nel Canavese attraverso autofficine compiacenti

Foto Depositphotos

Falsificavano i ricambi provenienti da mercati clandestini, spesso prodotti grezzi e di scarsissimo valore, piazzandoci sopra marchi e brand di celebri case automobilistiche, da rivendere ad autofficine compiacenti di tutto il Canavese che a loro volta le presentavano ai clienti come originali, con grave pericolo per gli stessi.

Questa, almeno, è la convinzione che ha spinto gli inquirenti a denunciare quattro persone tra Cuorgné e Pratiglione. A eseguire le notifiche sono stati i carabinieri della stazione di Cuorgné, destinatari padre e figlio di 55 e 29 anni residenti a Pratiglione e due titolari di autofficine tra Pertusio e Cuorgné, rispettivamente di 54 e 32 anni.

Sono tutti accusati, a vario titolo, di concorso in contraffazione e ricettazione. Nelle disponibilità della ditta gestita da padre e figlio sono stati rinvenuti e sequestrati migliaia di dischi per freni, pastiglie, frizioni e ganasce, oltre ad alcuni macchinari utilizzati per falsificare i prodotti.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single