Dopo l'incendio del 1997

Restauro ultimato, la Cappella della Sindone riapre i battenti

Il 27 settembre la cerimonia di apertura nel foyer del Teatro Regio a Torino, con Nosiglia, Bonisoli, Chiamparino e Appendino

Torino, la Cappella della Sindone

Dopo un lungo e tortuoso restauro avviato all’indomani del tragico incendio scoppiato l’11 aprile del 1997, il prossimo 27 settembre sarà restituita al mondo la Cappella della Sacra Sindone di Torino, mirabile architettura barocca di Guarino Guarini, nuovamente accessibile al pubblico nel percorso di visita dei Musei Reali. La cerimonia di apertura si terrà alle 9,30 nel foyer del Teatro Regio; seguirà il taglio del nastro alle ore 11,30 al Palazzo Reale di Torino, Musei Reali, Galleria della Sindone.

LE INIZIATIVE PER LA RIAPERTURA
Interverranno il ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli, il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, la sindaca della città di Torino Chiara Appendino, l’arcivescovo Cesare Nosiglia e la direttrice dei Musei Reali Enrica Pagella. Per coinvolgere il più possibile la cittadinanza dal 27 al 29 settembre sono previste diverse iniziative, tra le quali l’illuminazione scenografica della cupola, che verrà inaugurata giovedì alle 20,30 (il pubblico potrà ammirarla da Piazza San Giovanni), la messa solenne e un concerto in Duomo rispettivamente il 28 settembre alle 19 e l’indomani alle 21.

UN CONVEGNO SULLA STORIA DEL MONUMENTO
Venerdì 28 e sabato 29 settembre un convegno internazionale nell’Auditorium Vivaldi della Biblioteca Nazionale di Torino farà invece il punto sulla storia del monumento, sui suoi significati simbolici e devozionali e sulla lunga impresa del restauro che ne ha permesso la sopravvivenza. Il pubblico potrà ammirare la Cappella della Sindone da venerdì 28 a domenica 30 settembre al prezzo speciale di 3 Euro. Da martedì 2 ottobre l’accesso sarà compreso nel biglietto dei Musei Reali. Nello Spazio Confronti della Galleria Sabauda, i visitatori potranno vivere un’emozionante esperienza di realtà virtuale e ripercorrere i passi compiuti dopo l’incendio attraverso una breve esposizione fotografica.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single