La conferenza di ReSet G7
News
CONTRO IL VERTICE

“ALLARME CONTESTAZIONI”. ReSet G7, via alla tre giorni di proteste: “Saremo il loro incubo” [VIDEO]

Domani in programma la Street Parade; venerdì cortei di studenti e No Tav e, a seguire, di lavoratori e sindacati. Sabato tutti insieme per la grande marcia verso la Reggia di Venaria

Saremo il loro incubo, non li lasceremo in pace”. ReSet G7 scende in campo e annuncia contestazioni che prenderanno il via domani per concludersi con la grande manifestazione in programma sabato. Oggi, in piazzale Valdo Fusi, l’assemblea che riunisce centri sociali, disoccupati, lavoratori e studenti ha ribadito la propria contrarietà al G7 che si sta tenendo in questi giorni presso la Reggia di Venaria.

“ALLARME CONTESTAZIONI”.

“Non li lasceremo in pace – ribadiscono -. Ci troveranno davanti alle loro porte, qualunque cosa faranno, anche se lo decideranno all’ultimo. Loro, ogni giorno, sono presenti nelle nostre vite; noi, in questi giorni, lo saremo nelle loro”. A chi teme scontri, rispondono: “Non c’è allarme sicurezza, semmai allarme contestazione. Saremo in strada per portare avanti i diritti dei lavoratori”.

IL PROGRAMMA.

Domani (giovedì, ndr) muoverà da Torino esposizioni la Street Parade, una sfilata per le vie del centro. Venerdì sono previsti di mattina cortei di studenti e No Tav, mentre nel pomeriggio toccherà a lavoratori e sindacati. Sabato tutti i manifestanti si uniranno per dar vita a un corteo che punta direttamente nella blindata Venaria, dove si riuniscono i big della politica.

IL VIDEO:

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo