(foto depositphotos)
Cronaca
Hanno tentato di fuggire camuffati da operai

Rapina e sequestro di persona, arrestati i due autori del colpo all’ufficio postale di Collegno

Hanno intimorito e immobilizzato gli impiegati, portando via 38mila euro: fermati dalla Squadra Mobile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Nella mattinata di ieri personale della Squadra Mobile della Questura di Torino, in via Condove di Collegno, ha arrestato due pregiudicati per rapina aggravata e sequestro di persona. I due, uno classe 1967 e l’altro classe 1960, hanno atteso il fine settimana, in cui le giacenze di denaro sono superiori rispetto gli altri giorni, per agire.

All’atto dell’apertura dell’ufficio, non appena sono giunti gli impiegati per entrare, con una violenta spinta e con la minaccia di un’arma sono riusciti a far irruzione nell’agenzia postale sita in corso Francia 317 a Collegno.

A quel punto i malviventi, sequestrati e intimoriti gli impiegati con la minaccia di un coltello e di una pistola (poi rivelatasi una riproduzione di un’arma semiautomatica), hanno intimato che la cassaforte temporizzata fosse sbloccata e quindi, con assoluta calma, hanno atteso tanto l’arrivo degli altri dipendenti (sequestrati a loro volta), quanto l’apertura del mezzo forte, che è avvenuta circa venti minuti più tardi.

La permanenza dei rapinatori all’interno dell’Ufficio Postale si è protratta per circa mezz’ora quindi, dopo essersi appropriati del denaro contenuto nella cassaforte, ammontante a oltre 38mila euro, i due si sono dati alla fuga.

Sono stati fermati, però, dopo poco dagli investigatori mentre cercavano di dileguarsi nel cantiere posto dinnanzi all’ufficio postale e di confondersi con gli operai, indossando dei gilet ad alta visibilità che i due rapinatori portavano sotto i giubbotti durante la rapina. La refurtiva è stata interamente recuperata.

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo