BARCA I pastori tedeschi hanno aggredito una donna: «Sono spaventati»

I randagi invadono il borgo: «Arrivano dal parco Stura»

Si moltiplicano le segnalazioni, i cani seminano il panico nel quartiere

Da anni si aggirano tra il parco Stura e la Colletta. Solo che fino ad oggi nessuno di loro si era mai avvicinato al centro abitato. Due pastori tedeschi, adulti, sono stati immortalati a spasso per strada San Mauro e strada Settimo. Tra i marciapiedi e le strade. Qualcuno li ha avvistati al mattino, altri alla sera. E da lunedì scorso le segnalazioni, e le apprensioni, si sono moltiplicate.

«Io li ho visti anche in strada della Magra – racconta una donna – dove hanno aggredito una signora che stava passeggiando con il suo cane al guinzaglio. Un uomo li ha fatti scappare e loro hanno continuato a girare in strada, costringendo le auto a inchiodare».

C’è chi si è limitato a segnalarne la loro presenza tra i marciapiedi e le case e chi giura siano scappati dalla casa di un padrone distratto. Ma una cosa è sicura: a Barca i cani randagi sono tornati ad essere un vero e proprio incubo. E a sostenerlo sono proprio i residenti. «Li vedevamo sempre vicino al monumento dei partigiani di lungo Stura Lazio» racconta Emilio, da strada San Mauro.

Anche Enpa, ricevuta la segnalazione, è intervenuta, cercando di recuperare i due pastori tedeschi. Di certo non gli unici randagi a spasso per i polmoni verdi della periferia. «Abbiamo provato ad avvicinarci – spiegano dal rifugio del civico 8 di via Germagnano – ma loro scappano. Inoltre sono selvatici e stare in una gabbia non gli farebbe bene, anzi».

La querelle legata ai cani selvatici, tuttavia, dura da diversi anni. Dalle segnalazioni delle volontarie delle associazioni animaliste, che avevano accusato i randagi di uccidere i gatti delle colonie feline, passando per il via vai di mamme e cuccioli dai cantieri del passante ferroviario fino al nuovo parco Peccei su Spina 4. «I cani – raccontano i cittadini – non sono pericolosi ma hanno fame. Aggrediscono gli altri quattro zampe ma difficilmente se la prendono con l’uomo».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single