CooperativaVersoprobo
News
SAN MAURO Polemica per i forti odori provenienti dalle cucine

Raffica di mail al vicesindaco: «Puzza di fritto dai profughi»

La cooperativa che gestisce la struttura: «Normale che quando si prepara per 50 persone si senta profumo di pollo e patatine»

«Qui c’è puzza di fritto», «Non se ne può più», «Non si respira». Queste ed altre le mail arrivate nella casella postale del vicesindaco Raffaele Quitadamo negli ultimi mesi. Ci troviamo in via IV Novembre, proprio qui, dalla fine del 2016, una cooperativa ha preso in affitto una vecchia casa di riposo e la struttura si è trasformata in un centro di accoglienza per richiedenti asilo che ospita una cinquantina di persone. Profughi, provenienti, per la maggior parte, dall’Africa subsahariana.

Una convivenza che, fino a poco tempo fa, non aveva mai creato nessun problema, nessuna lamentela. Nessuna protesta, fino a quando i sanmauresi che abitano vicino al centro hanno iniziato a lamentare l’eccessiva puzza di fritto, di cibo, i profumi di una cucina che forse nulla hanno a che vedere con l’Italia. Proteste che hanno inondato la casella postale dell’amministrazione comunale.

La cooperativa che gestisce la struttura, la Versoprobo, ha provato più volte a spiegare come non ci sia nulla di strano. In quella casa vivono più di 40 richiedenti asilo ed è normale che quando ci si mette in cucina, a spadellare, le porzioni siano abbondanti e di conseguenza anche gli odori. Della serie: cucinare il pollo e le patatine per una famiglia non è di certo come prepararli per 50 persone.

Insomma, nessun abuso di fritto è solo che in quella casa sono in tanti. Va avanti, nel frattempo, nonostante gli odori delle patatine, il percorso di integrazione dei migranti ospitati sul territorio sanmaurese. Tra quelli presenti in via IV Novembre, provenienti dall’Africa, e quelli ospitati dalla cooperativa Babel, pakistani, parliamo di più di 60 persone. Tutte inserite all’interno del percorso che prevede la richiesta di asilo nel nostro Paese. Il comune, dal canto suo, continua a collaborare con le cooperative che gestiscono i richiedenti asilo per fare in modo che i nuovi arrivati possano sentirsi a casa e integrarsi senza grosse difficoltà. Uno degli ultimi progetti ha visto i migranti impegnati all’interno delle scuole per la tinteggiatura della aule o, ancora, nella pulizia di parchi e sponde del fiume.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo