Mergim Vojvoda (Depositphotos)
Sport
PIANETA GRANATA

Qui Toro: «Arriviamo più in alto». Ma mancano i rinforzi

L’ambizione di Ricci e Vojvoda. Oggi c’è il Trabzonspor

Ricci e Vojvoda lo dicono in coro. «Sarà una stagione molto importante per tutti, vogliamo confermare quanto di buono abbiamo fatto in quella passata» ha dichiarato il centrocampista; «L’obiettivo è fare sempre meglio, come è già accaduto negli anni scorsi, e anche per il prossimo campionato vogliamo arrivare più in alto» il pensiero del kosovaro. Gli allenamenti proseguono in Austria, ma si è cambiata la sede: nella mattinata di ieri il trasferimento da Bad Leonfelden a Waidring, dove nel pomeriggio i granata hanno cominciato a prendere confidenza con il paesino del Tirolo. Juric, però, continua a rimanere particolarmente irrequieto, anche perché i tanto attesi acquisti di qualità ancora non si vedono. C’è stato un ulteriore avvicinamento allo svincolato Denayer, le trattative con lo Spezia per Maggiore sono finalmente a un punto di svolta positivo, ma anche oggi in ritiro non abbraccerà nessun volto nuovo.

Eppure gli sarebbero serviti eccome, anche perché proprio nel pomeriggio il suo Toro disputerà la terza amichevole dell’estate. Dopo la sconfitta per 3-1 contro l’Eintracht Francoforte e la vittoria per 2-0 contro il Mlade Boleslav, sarà il turno dei campioni di Turchia del Trabzonspor. Il livello dell’avversaria torna ad alzarsi rispetto ai modesti cechi, ma Juric non potrà provare nulla di quanto aveva in mente. O meglio, dovrà ancora arrangiarsi con i giocatori che ha: in porta il solito dualismo Berisha-Vanja che dà poca sicurezza, in mediana la coppia Ricci-Lukic rimane senza validi alter ego, la trequarti è ancora da inventare e l’ultimo arrivato Radonjic non è nemmeno al massimo della condizione a causa di un problema muscolare.

Sono tanti gli aspetti che costringono l’allenatore croato a schierare una formazione e a sperimentare schemi con giocatori che non potranno mai essere gli stessi che scenderanno in campo tra meno di tre settimane a Monza. Ecco perché il termometro di Juric si fa sempre più incandescente, mentre all’orizzonte è in programma quello che sarà il terzultimo test estivo per il Toro. Dopo il Trabzonspor, infatti, ci saranno soltanto Apollon Limassol e Nizza: il 6 agosto, infatti, ci sarà già la prima gara da dentro o fuori, quella di coppa Italia contro la vincente di PalermoReggiana. Ma la squadra è ancora senza i rinforzi richiesti: ne mancano altri otto.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo