susie steiner
Libri
LA NOVITÀ

Quell’ombra sbagliata sul luogo del delitto. La detective incinta trema per l’altro figlio

Susie Steiner ha tutto quello che serve per un buon thriller

La detective Manon Bradshaw è un gran bel personaggio. Per chi non avesse il libro precedente e si affacciasse solo adesso a Susie Steiner con “Persone sbagliate” (Piemme, 18,90 euro, traduzione di Cristina Ingiardi), il consiglio è di non farsi ingannare dalla sua pancia che supera la boa del quinto mese, dal suo appetito, dal desiderio, dopo aver lasciato Londra e la Met e l’orribile capo, di una vita tranquilla e una casa piena di figli. La detective è una sbirra autentica, che sa guardare nell’abisso e stavolta, nella calma Cambridge che decisamente tanto calma non è, nell’abisso rischia di finirci lei.

Sì, perché sulla scena di un crimine – un uomo accoltellato a morte che assieme all’ultimo respiro ha esalato anche una parola misteriosa – c’è un’ombra, un’immagine appena accennata che corrisponde a quella di Fly, il suo giovane figlio adottivo. Può una detective esperta dell’animo umano avere dubbi, non sapere di conoscere gli affetti più cari, le persone che le stanno attorno? A pensarci bene è un grande classico della narrativa di genere, ma bisogna sempre ricordare che nel thriller non bisogna perdere in sofisticati schemi mentali che fanno fare bella figura ai recensori: una storia è ben scritta oppure non lo è; un thriller è intrigante, ad alta tensione, oppure non è un thriller. “Persone sbagliate” lo è. Punto.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo