(Depositphotos)
Salute
IL FATTO

Quarantene triplicate in una settimana: due bimbi su tre senza la vaccinazione

Le scuole nel caos, ma nella fascia tra 5 e 11 anni solo 76mila su 224mila hanno chiesto la protezione

Più che una richiesta quella delle Regioni al Governo è un appello disperato affinché si riscrivano le regole sulla scuolaE lo si capisce da come la circolazione del virus abbia fatto aumentare di sette volte il numero dei focolai in una settimana: da 227 a 1.486. Più che triplicate, invece, le classi in quarantena che sono 3.242 in tutto il Piemonte ed erano 912 otto giorni fa. Torino ne conta già più di 1.600: con 554 aule svuotate in città e altre 1.154 nel resto dell’area metropolitana. A pagare il prezzo più alto sono le primarie con 614 casi che tra 6 e 10 anni registrano il primato negativo dei focolai, ma anche la più bassa adesione alla campagna vaccinale con solo il 30% della platea potenziale che ha già prenotato o ricevuto il farmaco contro il Covid. Appena 76mila bimbi a fronte di 224mila con due bambini su tre per cui non è stata ancora chiesta alcuna protezione. Discorso che si riflette sulle quarantene con 1.650 classi, nello specifico, costrette a chiudere in casa i bambini tanto per le lezioni, quanto per le altre attività. E anche il virus dimostra di avere quasi raddoppiato la sua velocità di contagio proprio dove trova “campo libero” ovvero i piccoli fino a 5 anni tra cui registra un’incidenza di 4.202,1 casi ogni 100mila, con l’aumento maggiore (+91,9%). Nella fascia tra 6 e 10 anni si attesta a 4.894,2 (+50,8%). Nella fascia tra 0 e 2 anni, l’incidenza è di 2.083,2 nuovi casi (+ 40,1%). Nella fascia 11-13 anni, l’incidenza è stata di 4.005,3 (+ 22,1%). Soltanto nella fascia tra 14 e 18 anni si registra una diminuzione con un’incidenza in calo con 3.191,9 contagi su 100mila (-10,9%). Migliori, infatti, sono le cifre della campagna di profilassi per gli studenti più grandi. Sulla platea complessiva di 313mila studenti dai 12 ai 19 anni, sono 261mila gli aderenti, ovvero, l’83%. Di questi, oltre 255mila hanno ricevuto la prima dose mentre sono oltre 243mila giovani hanno completato il ciclo: il 93,1% degli aderenti e il 77,6% della platea potenziale. «Per incentivare il completamento della vaccinazione per la fascia tra 12 e 19 anni è previsto l’accesso diretto nei centri vaccinali indicati sul portale ilpiemontetivaccina.it – spiegano dalla Regione -. Mentre per la fascia tra 5 e 11 anni tutti gli aderenti hanno già ricevuto la convocazione entro il 7 febbraio».

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Gruppo Gheron
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo