toro-napoli
Sport
L’ANALISI

Psicodramma Toro. Il finale è da brividi: «Ci sarà da soffrire»

La corsa salvezza si fa sempre più incandescente

È bastata una sconfitta per far ripiombare il Toro al terzultimo posto. Questa volta, però, è in buona compagnia: a quota 31, infatti, ci sono Cagliari e Benevento. Lo Spezia è a 33, la Fiorentina (34), eppure Davide Nicola predica tranquillità. «Non mi preoccupa nulla, siamo consapevoli di dover lottare fino alla fine» ha spiegato dopo lo 0-2 contro il Napoli. La situazione, però, è al limite, e ogni passo falso può costare carissimo. Anche perché il calendario dei granata mostra ancora tante insidie: lunedì prossimo il Parma al “Grande To r i n o ”, poi la trasferta a Verona contro l’Hellas e il Milan in casa, infine le tre sfide nell’ultima settimana della stagione tra La Spezia, Roma contro la Lazio e Benevento. E i granata vogliono evitare a tutti i costi che quello contro il grande ex Kamil Glik si trasformi in un disperato spareggio, arrivando al 23 maggio con la salvezza già in tasca. Ad oggi, però, è impossibile stilare una quota da raggiungere: da una parte perché i ragazzi di Davide Nicola hanno a disposizione una gara in più, dall’altra perché ci sono ancora tanti scontri diretti. Cagliari e Benevento si sfideranno il prossimo 9 maggio, i sanniti hanno a disposizione tre punti “facili” contro il Crotone già retrocesso alla penultima, lo Spezia è la squadra che, escluso il Toro il 15 maggio, non avrà partite contro le concorrenti. È fondamentale, anzi obbligatorio, che i granata comincino il rush finale con un successo contro il Parma, poi si faranno i conti tra una settimana, con il Cagliari che andrà a Napoli e il Benevento impegnato a San Siro contro il Milan. Intanto, attraverso i social, i giocatori di Davide Nicola dimostrano di avere ben chiara la situazione. «Una partita difficilissima contro una grande squadra, abbiamo dato tutto – il messaggio social di Izzo – e adesso arrivano altre battaglie importanti, tiriamoci su le maniche e pensiamo subito al Parma! Non molliamo». «Equilibrio, coraggio e convinzione fino all’ultima giornata di questo campionato» aggiunge Rincon su Instagram; «Nessuno ha detto che sarebbe stato facile, però posso garantire che lotteremo in ogni partita per raggiungere il nostro obiettivo. Adesso ancora più uniti e testa alla prossima» la promessa di Ansaldi. E Mandragora si scusa per il rosso: «Sono dispiaciuto per l’espulsione, non era mia intenzione lasciare i miei compagni in difficoltà nei minuti finali. Ci sarà da soffrire», scrive il centrocampista.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo