italvolt 2
Cronaca
SCARMAGNO

Protocollo d’intesa per Italvolt: progetto pronto entro giugno

La soddisfazione di Carlstrom: «Rispettiamo il cronoprogramma»

Firmato il protocollo di intesa per la Gigafactory Italvolt di Scarmagno per produrre batterie, con l’impegno delle parti a fornire il progetto per ottenere i permessi necessari a costruire entro i primi mesi del 2023.

Nel protocollo siglato tra il magnate svedese Lars Carlstrom, i sindaci di Scarmagno, Romano, Ivrea, la Città metropolitana di Torino e la Regione Piemonte si prevede entro giugno 2022 la presentazione del progetto definitivo, così da ricevere i permessi di costruzione per gli inizi del 2023 e avviare la produzione nel 2024 della Gigafactory che sorgerà nell’ex sito Olivetti di Scarmagno e Romano Canavese. Il progetto Italvolt prevede di avviare la produzione di batterie a ioni di litio nella seconda metà del 2024 e conta di impiegare fino a 3mila dipendenti, su una superficie complessiva di un milione di metri quadrati, per una capacità produttiva a regime di 45 GWh. La Gigafactory di Scarmagno e Romano Canavese collocherà il Piemonte e l’Italia tra i protagonisti della green industrialisation e della mobilità sostenibile, facendo del nostro Paese uno dei maggiori produttori di batterie per veicoli elettrici in Europa. «Dopo la presentazione del progetto preliminare e il successivo nulla osta ottenuto a inizio 2022, la firma del protocollo d’intesa testimonia l’avanzamento di un progetto che procede spedito grazie alla costante collaborazione con tutte le autorità locali. Il rispetto delle tempistiche del cronoprogramma condiviso ci porterà a diventare tra i primi player in Europa ad avviare la produzione, assicurandoci così un ruolo chiave nella filiera automobilistica elettrica», ha commentato Lars Carlstrom, fondatore di Italvolt.

In particolare, il protocollo di intesa prevede l’istituzione di un tavolo tecnico di coordinamento che sarà presieduto da un delegato della Regione con il compito di coordinare e supportare i vari uffici istituzionali coinvolti, nell’ottica di un’efficiente azione amministrativa. La Regione Piemonte intensificherà i colloqui già avviati con il ministero dello Sviluppo economico e gli altri ministeri competenti, allo scopo di affiancare Italvolt nell’individuazione delle misure di sostegno e finanziamento del progetto, incluse quelle previste dal Pnrr.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

News
Vinci TorinoCronaca 2023
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo