Secondo grado di giudizio in Figc: accolta la richiesta dei legali bianconeri

Processo Agnelli, appello rinviato al 4 dicembre

Il presidente della Juventus spera nella riduzione della squalifica

Il patron bianconero Andrea Agnelli

Rinviato al prossimo 4 dicembre il processo sportivo d’appello ad Andrea Agnelli sul caso biglietti. Il presidente della Juventus, i suoi legali e la Corte d’Appello della Figc, presieduta da Sergio Santoro, hanno dibattuto per circa un’ora in merito al ricorso presentato dalle parti, prima che venisse accolta la richiesta della difesa di poter acquisire (entro il 24 novembre) nuovi atti.

LE CARTE DI NAPOLI E LAZIO

“La Corte ha ritenuto di dover integrare la documentazione agli atti che devono essere acquisiti. Si tratta di sentenze e atti di natura processuale”, hanno spiegato gli avvocati di Agnelli, Luigi Chiappero e Franco Coppi. Nella fattispecie, si tratta della richiesta di archiviazione nei confronti del presidente laziale Lotito per l’escamotage per ovviare alla chiusura della Curva Nord e del deferimento del Napoli per la stagione sportiva 2008-09.

LA CONDANNA IN PRIMO GRADO

In primo grado Agnelli è stato condannato ad un anno di inibizione, con ammenda di 300mila euro. In appello la difesa ha chiesto la riduzione della pena, mentre il procuratore federale Giuseppe Pecoraro un suo inasprimento.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single