Fonte: Depositphotos
Economia
Restano fuori otto interventi

Ponti e viadotti, arrivano 23 milioni per la messa in sicurezza

Sono i fondi destinati dal Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili alla Città metropolitana di Torino

Ammontano a 23 milioni e 358mila euro le risorse che il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili ha destinato alla Città metropolitana di Torino per mettere in sicurezza o realizzare ex novo ponti e viadotti. Saranno ripartiti su tre annualità: 7.109.045,77 per il 2021; € 9.140.201,71 per il 2022; € 7.109.045,77 per il 2023.

Serviranno per mettere in sicurezza 11 fra ponti, viadotti e sovrappassi, dal ponte di Alpignano al Ponte nuovo sul Ceronda a Venaria Reale, dal ponte sul Chisone a Inverso Pinasca al ponte sul Chiusella a Trausella.

Restano fuori da questo elenco altri otto interventi, per un importo complessivo di quasi 16 milioni di euro, che tuttavia il Ministero ha approvato in linea tecnica e che potranno trovare un finanziamento nel periodo successivo.

“Portiamo a casa una cifra significativa che ci consente di affrontare situazioni annose e indispensabili per la messa in sicurezza di ponti e viadotti” commenta il vicesindaco Roberto Montà “Certamente è il risultato dell’ottimo lavoro che la Viabilità della Città metropolitana ha fatto per verificare lo stato di salute di tutte le nostre infrastrutture dopo il crollo del Ponte Morandi. Oggi esiste all’interno della Città metropolitana una struttura specifica, l’Ufficio ponti e opere d’arte, per un monitoraggio puntuale e costante sulla funzionalità e la sicurezza. Confido che dopo questa prima tranche troveremo il modo di portare avanti anche quei progetti che il Ministero riconosce come necessari e che per ora non sono stati finanziati”.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo