pippo disney goofy
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO

Pippo non può invecchiare

Leggo che in questi giorni Pippo, il tontolone alto e magro, grande amico di Topolino, compie 90 anni. Respingo al mittente questa pignoleria storicistica. Non me ne frega niente. Per me e per miliardi di persone che da piccole hanno letto i giornalini e visto i film di Walt Disney, Pippo ha un’età indefinita tra i 20 e i 30 anni, come Topolino, Paperino, Gastone e Ciccio, il garzone di nonna Papera. La quale ne ha tra i 60 e gli 80 come Zio Paperone. E i nipotini, sia Tip e Tap, (quelli di Topolino) e sia Qui, Quo e Qua (quelli di Paperino) sono bambini tra i 10 e i 12 anni, l’età in cui si va ai campeggi delle ‘giovani marmotte’. Che me ne faccio di una giovane marmotta calva con la pancia e la prostatite? Perché volete costringermi a immaginare Paperina ingrassata, con le rughe, gli occhiali, la parrucca e il trucco pesante? I personaggi dei fumetti, come quelli letterari, non invecchiano. Ma se mi dicono che Lucia Mondella (che nella peste del 1630 aveva 20 anni e quindi era del 1610) compie 412 anni non mi impressiono: semplicemente non riesco a immaginarla. Non si è mai vista una donna di 412 anni. Un uomo di 90 invece sì, e non può essere Pippo, come un uomo di 72 anni coi capelli bianchi, le rughe e la pancia come me non può essere Linus. Lui sarà sempre bambino e lasciatelo fluttuare nel mio immaginario come tale, per sempre piccolo, timido e impacciato. Lasciatemi godere le danze di Snoopy con le foglie, le sue prodezze da aviatore della 1° guerra mondiale sul tetto della cuccia come tratti irresistibili di un cane geniale e immortale, e non di Snoopy IV, suo pronipote. Combatto già da sempre col tempo che passa, non mi frustate la fantasia con queste stonature.

collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo