Depositphotos
Sport
QUI TORO

Pioli, bestia nera Juric: il rossonero avanti 7-1

Poche gioie e tanti dolori per il croato contro l’ex viola

Una sola vittoria in sette confronti, Ivan Juric prova a superare un tabù personale. Nei precedenti contro Stefano Pioli, infatti, ha ottenuto poche gioie e tanti dolori. Sicuramente ha influito anche il fatto di guidare squadre sulla carta sempre meno accreditate, ma l’unico successo del croato contro l’emiliano è arrivato più di cinque anni fa: si giocava Genoa-Inter, i rossoblu trionfarono 1-0 grazie alla rete di Goran Pandev nella seconda parte di gara.

Prima e dopo, invece, Juric non è più riuscito a superare il collega, e adesso vuole se non altro ritrovare almeno il gol. Da tre partite consecutive, infatti, le sue squadre non riescono nemmeno a segnare: 0-0 lo scorso aprile all’Olimpico Grande Torino, 1-0 a San Siro giusto un anno fa e 0-2 al Bentegodi nell’ultimo incontro ai tempi dell’Hellas Verona. Completano il bilancio dei precedenti i due pareggi con gol del 2020, 2-2 e 1-1 entrambi in casa dei rossonera, e la primissima sconfitta del 2016 al Meazza con Pioli che però guidava l’altra squadra della città, l’Inter.

Domani sera andrà in scena l’atto ottavo, Juric punta a migliorare la propria media punti contro l’allenatore di Parma che al momento è ferma a 0.86. Ancora una volta, però, ci sarà bisogno di un’impresa: tutti i favori del pronostico sono dalla parte del Milan, che nel frattempo è pure diventato campione d’Italia. Il croato, poi, è sempre alla ricerca di quella maledetta vittoria contro una big che non gli è mai riuscita da quando è alla guida del Toro.

La sua squadra ha dato segnali di ripresa nella gara di Udine, tornando ad un successo che mancava dal 5 settembre scorso. Ora Juric vuole ritrovare il sorriso anche davanti ai propri tifosi: è proprio dalla vittoria precedente a quella in Friuli che il suo Toro non trova i tre punti casalinghi, i granata hanno il sesto peggior rendimento interno di tutta la serie A. È ora di invertire la rotta.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo