calcinacci tetti
Cronaca
CORSO CINCINNATO

Pioggia di calcinacci dai tetti: «Da 7 anni viviamo un incubo»

I palazzi transennati con il nastro: «Vogliamo lavori, non cartelli»

Da 7 anni convivono con crolli di calcinacci dai balconi delle case e dai tetti. E a ben guardare è facile capire perché: i palazzi popolari di corso Cincinnato 149 non sembrano davvero in buone condizioni. Dall’interno 18 al 26, è un fiorire di spuntoni in ferro che affiorano dai balconi oltre che di pezzi di cemento che sembrano sul punto di staccarsi da un momento all’altro. Circa novanta sono le famiglie ormai spazientite dalla situazione. «Qui di tanto in tanto siamo costretti a chiamare i vigili del fuoco, perché temiamo succeda qualche tragedia» racconta Giuliana, che si è presa in carico la patata bollente.

Da dieci giorni, però, qualcosa si è mosso. E il comprensorio al civico 149 è stato transennato con del nastro bianco e rosso. Quasi a voler proteggere quelle palazzine. Sparsi per il cortile anche diversi cartelli che invitano a prestare attenzione a possibili crolli. Transenne anche lato strada, davanti al mercato. «E se succede qualcosa nel retro delle nostre case, i pompieri nemmeno possono intervenire perché non esiste un secondo accesso» fa ancora notare Giuliana. Gli interni di corso Cincinnato 149 sono amministrati da tempo in regime condominiale (essendoci sia inquilini Atc che proprietari) da uno studio esterno. «È all’amministratore – spiegano da Atc -, che compete portare in assemblea eventuali proposte di lavori di manutenzione straordinaria che poi dovranno venire approvati prima di essere eseguiti». Calcinacci a parte, per le famiglie c’è un’altra grana: quella delle pulizie che a detta di molti non verrebbero eseguite. «Per quanto riguarda le pulizie, su cui Atc anticipa la spesa per i suoi inquilini, c’è stato un passaggio di gestione e di consegne a causa di un cambio di amministratore – concludono da corso Dante -, e quindi è probabile che ci sia stato qualche rallentamento sui pagamenti alle imprese, dovuto al fatto che si stavano facendo le opportune verifiche contabili che avvengono durante un passaggio di consegne. Il problema è stato segnalato e si risolverà a breve». Mentre per la messa in sicurezza delle facciate toccherà attendere, sperando non si verifichino tragedie.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo