foto generica (Depositphotos)
Salute
SANITA’

Stanziati 1,3 miliardi per 6 nuovi ospedali: uno sorgerà a Torino

L’assessore Icardi: “Innoviamo e riorganizziamo la rete ospedaliera”

Il consiglio regionale del Piemonte ha approvato la programmazione di indirizzo strategico generale per la realizzazione di sei nuovi ospedali a Torino, Ivrea, Vercelli, Savigliano, Alessandria e Cuneo. Nel capoluogo, gli interventi riguarderanno un’area di 60mila metri quadri tra il Maria Vittoria e l’Amedeo di Savoia, dove verrà realizzato un nuovo presidio ospedaliero-DEA dii primo livello. L’intervento costerà 185.000.000 di euro. Nel Torinese, l’unico altro intervento previsto è quello per la realizzazione di un nuovo presidio ospedaliero-DEA di I livello a Ivrea, su un’area di 46mila euro, ad un costo di 140.000.000 euro. Assente dal piano, l’ospedale unico dell’Asl To5. «Con questo provvedimento, dopo l’avvio del cantiere del Parco della Salute di Torino e l’imminente bando per la nuova Città della Salute e della Scienza di Novara – commenta l’assessore alla Sanità, Luigi Icardi, al termine di una lunga discussione – la Regione Piemonte compie un altro importante passo verso il potenziamento e la modernizzazione delle strutture sanitarie. Sono grato al Consiglio regionale che ha sostenuto con convinzione questo nuovo piano di investimenti in edilizia sanitaria da quasi un miliardo e 300 milioni di euro». E ancora: «Con questo piano interverremo su presidi obsoleti e per questo anche più costosi, con lo scopo di migliorare l’umanizzazione dei servizi sotto il profilo della qualità delle strutture e delle relazioni con paziente – aggiunge Icardi -. Una rivoluzione che il Piemonte sta affrontando in modo complementare sia sul fronte degli ospedali che su quello dell’assistenza primaria sul territorio». Sul piano finanziario, gli interventi sono valutabili dall’Inail nell’ambito dei propri piani triennali di investimento, ma resta aperta la possibilità di attivare altre tipologie e forme di finanziamento.

Di seguito la tabella dettagliata del piano:

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo