Giorgia
Cronaca
LA STORIA Una ragazza di 23 anni denuncia: «Mi ha puntato una pistola, ma nessuno mi ascolta»

Picchiata per mesi e minacciata dall’ex: «Calci nella pancia per farmi abortire»

La giovane lo ha querelato a carabinieri e polizia, ma l’uomo continua a perseguitarla

L’ha presa a calci in pancia per farla abortire. «Avevo un ritardo e lui ha pensato che fossi incinta». Lo racconta Giorgia, 23 anni, diplomata pasticcera all’istituto alberghiero. Pensava d’aver trovato l’amore, ma si è illusa.

Manuel, 29 anni, si è rivelato qualcosa di molto diverso da quello che la giovane immaginava: «Dopo pochi giorni ha cominciato a picchiarmi, a insultarmi, a minacciarmi di morte, anche con una pistola».

Era stato un colpo di fulmine, tanto che Giorgia aveva lasciato casa e si era trasferita in quella di Manuel. «Ero innamorata, ma ben presto ho capito d’aver sbagliato tutto – racconta la ragazza -. Uno zigomo fratturato, denti rotti, calci e pugni».

Il motivo è sempre lo stesso: «La sua gelosia. Immagina cose che non esistono e se la prende con me. Ho pensato anche che fosse malato, ma lui si rifiuta di curarsi».

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo