Polizia (foto depositphotos)
Cronaca
Lite furibonda

Piazza XVIII Dicembre, rissa in strada per un apprezzamento a una ragazza: tre arresti

In manette un 18enne, un 23enne e un 31enne, che il giorno dopo è evaso dai domiciliari per molestare due giovani

Gli agenti delle volanti sono intervenuti domenica pomeriggio in piazza XVIII Dicembre a seguito di una segnalazione per rissa. Al momento dell’arrivo, gli agenti hanno notato allontanarsi su via Bertola un gruppo composto da sette ragazzi, sia maschi che femmine, che venivano immediatamente intercettati: uno di essi, un 23enne italiano, presentava una ferita alla testa. Accompagnato in ospedale, è stato dimesso con una prognosi di tre giorni per trauma contusivo della regione cranica e toracica e per le diverse escoriazioni ed ecchimosi riportate.

In realtà, in base a diverse testimonianze, è emerso che solo due dei ragazzi del gruppo avevano preso parte alla rissa: si tratta del 23enne ferito e di un 31enne nato in Colombia, ma italiano. Contestualmente, altri poliziotti della Squadra Volante hanno soccorso un terzo ragazzo, che aveva avuto la peggio e risultava riverso a terra in corso Bolzano. Il giovane, nato in Egitto, 18 anni ancora da compiere, aveva riportato contusioni multiple e una frattura alla costola, riportando una prognosi di 15 giorni.

Dalle ricostruzioni effettuate, lo stesso era stato aggredito con calci e pugni anche al volto e con molta probabilità anche con l’utilizzo di una catena, trovata poi sul luogo del pestaggio. A quanto pare un appartenente del gruppo aveva fatto un apprezzamento poco gradito a una ragazza che si accompagnava al cittadino egiziano e le sue rimostranze non sono state accettate. In piazza è nata una prima lite, durante la quale sono volati insulti, spintoni e diversi colpi da entrambe le parti. L’intervento di un passante ha calmato gli animi e ognuno ha preso la sua strada.

Una calma solo apparente, perché il gruppo ha poco dopo raggiunto e gettato a terra il giovane egiziano all’incrocio con corso Bolzano mentre provava a fuggire. Qui è avvenuta l’aggressione più violenta. Solo grazie al secondo intervento del medesimo passante il gruppo si è allontanato. Tutti e tre i ragazzi – il 31enne e il 23enne hanno a  carico numerosi precedenti di polizia e diversi alias – sono stati arrestati per rissa aggravata.

L’indomani sera il 31enne, che si trovava sottoposto agli arresti domiciliari per quanto commesso, è però uscito di casa rendendosi protagonista di un’ulteriore aggressione ai danni di un uomo intervenuto in difesa di due ragazze che lo stesso aveva approcciato in Strada del Lionetto. Anche in questa occasione, l’uomo si è dimostrato particolarmente violento, tanto da danneggiare, nella sua foga, anche un’autovettura parcheggiata in strada. Pertanto, è stato nuovamente arrestato per evasione e danneggiamento.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo