Piazza D'Armi: piantati i nuovi alberi donati dalla Stratorino (foto di repertorio)
Cronaca
L’INIZIATIVA

Piazza D’Armi, completata la messa a dimora degli alberi donati dalla Stratorino

Piantati 43 tigli. L’assessore Unia: “Così Torino diventa sempre più verde”

Si è conclusa ieri, in piazza d’Armi, la messa a dimora degli alberi – 43 tigli – donati dalla Stratorino e da Nova Coop, alla Città di Torino.  Un albero per ciascuna edizione della gloriosa manifestazione podistica (la più longeva della città), la cui ultima edizione si è svolta nel 2019, radunando, anche in quell’occasione, migliaia di podisti e camminatori lungo le strade della città.

TORINO SEMPRE PIU’ VERDE
Così la città è resa “ancora più verde. È anche grazie a queste donazioni, da parte di soggetti privati e di cittadini, che negli ultimi siamo riusciti a piantare circa 40 mila nuovi alberi a Torino, incrementando un patrimonio arboreo di inestimabile valore” ha commentato Alberto Unia, assessore al Verde della Città di Torino. Monica Di Martino, responsabile comunicazione Nova Coop, ha dichiarato: ”Nova Coop ha partecipato come main sponsor alla Stratorino 2019 in coerenza con il suo orientamento a promuovere stili di vita improntati al benessere e alla prevenzione della salute e per offrire un contributo tangibile alla realizzazione della prima edizione plastic free della storica corsa non competitiva, donando stoviglie compostabili. Un impegno verso la sostenibilità e l’attuazione degli obiettivi dell’Agenda 2030 che continua con la donazione alla città di 43 nuovi alberi e con la scelta, appena operata, di coprire il 100% del fabbisogno energetico dei propri negozi utilizzando esclusivamente energia elettrica da fonti rinnovabili e sostenibili certificate».

GLI ALBERI PIANTATI
L’intervento di ieri ha riguardato la messa a dimora di 10 piante nella porzione di parco prospiciente il piazzale Grande Torino, in sostituzione di alcuni tigli che non avevano attecchito in piantamenti precedenti.  I restanti 33 alberi sono stati piantati la scorsa settimana in strada del Drosso, proseguendo il percorso di sostituzione dell’attuale alberata di frassini, specie che mal si adatta all’ambiente urbano, con i tigli, che hanno dimostrato nel tempo maggiore capacità di adattamento in questo contesto.

La messa a dimora delle piante – prevista inizialmente nella primavera del 2020 e rimandata a causa del lockdown – è stata realizzati da una ditta specializzata con la supervisione dei tecnici dell’Unità Operativa Alberate dell’Area Verde della Città.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo