capodanno torino dal giornale
News
L’APPUNTAMENTO

Piazza Castello, effetti speciali sotto le stelle: sarà un Capodanno da film

Il conto alla rovescia che accompagnerà i torinesi nel 2020 si preannuncia unico nel suo genere: dalla comicità senza tempo di Charlie Chaplin al surreale mondo di Tim Burton, lo spettacolo sarà internamente dedicato alla settima arte

Piazza Castello si trasforma in un enorme cinema a cielo aperto per festeggiare la notte di Capodanno. Il conto alla rovescia che accompagnerà i torinesi nel 2020 si preannuncia unico nel suo genere: dalla comicità senza tempo di Charlie Chaplin al surreale mondo di Tim Burton, lo spettacolo sarà internamente dedicato alla settima arte. Persino il palcoscenico ricorderà una enorme pellicola cinematografica.

«È stato fatto un investimento importante – racconta Walter Rolfo, organizzatore dell’evento e maestro di cerimonia in piazza la notte del 31 – ma anche il palco doveva raccontare il tema del cinema e per farlo ci siano ispirati alla forma sinuosa delle pellicole». Nulla è stato lasciato al caso e, dopo il successo dello scorso anno, il team di Masters of Magic scalda i motori per raccontare il mondo dei film. Non senza un pizzico di magia. «A ben pensarci, Il cinema nasce dalla mente di un prestigiatore che voleva raccontare l’impossibile – spiega ancora Rolfo -. Méliès è stato il primo a utilizzare i film per descrivere delle storie. E lo stesso faranno i nostri artisti, mettendo in scena l’impossibile. Attraverso dei maxi schermi poi tutti gli spettatori potranno sentirsi come al cinema».

A partire dagli esordi e fino ad arrivare ai moderni effetti speciali, lo spettacolo “Masters of Magic – La magia del cinema” punta a ripercorrere, passo dopo passo, l’evoluzione del mondo del cinema attraverso temi e personaggi iconici. A mettere in scena “live” gli storici filmati di Méliès ci penserà il prestigiatore Paolo Carta. Dopodiché toccherà a Carlo Truzzi far rivivere oltre 100 personaggi attraverso le sue ombre cinesi. Tanti gli artisti che si susseguiranno sul “palco – pellicola” appositamente creato, riportando in scena Buster Keaton, i film di Federico Fellini e gli effetti speciali più innovativi tramite numeri di manipolazione della materia. Esibizione dopo esibizione, si arriverà fino allo scoccare della mezzanotte, quando la città della Mole entrerà ufficialmente nell’anno dedicato al cinema, in una vera e propria esplosione di colori.

«Chiederemo al pubblico di scaricare una applicazione sul telefono – aggiunge Rolfo – che permetterà, a mezzanotte, di creare dei mosaici di colori sulla piazza. Così vogliamo raccontare le sfumature del cinema, attraverso un grande arcobaleno». Per vedere lo spettacolo basterà portare con sé un tappo di bottiglia da riciclare. Un piccolo prezzo, che segna il passo ecologista del Capodanno torinese. «Un bambino ci ha scritto una lettera tramite la “Mole dei Desideri”, in cui spiega che vorrebbe meno inquinamento, “altrimenti non ci sarà un bel futuro”. E noi siamo d’accordo con lui» conclude Rolfo.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo