Tram15
News

Una petizione per salvare il 15: «Non tagliate fuori la borgata»

Diecimila abitanti orfani del loro tram. Che adesso protestano contro la decisione dell’amministrazione. In base al nuovo piano di revisione della rete pubblica cittadina, a partire dal 2023, per un costo di 9 milioni, il rinnovato tram 15 che partirà da piazza Coriolano non farà più capolinea in via Brissogne, ma si fermerà a Pozzo Strada, in via Tofane. Tagliando fuori dalle corse, di fatto, i residenti di Aeronautica e Grugliasco, ma soprattutto quelli di Borgata Lesna. Questi ultimi sono sul piede di guerra. Sulla piattaforma online Change.org, i cittadini orfani del 15 hanno lanciato una petizione. Le firme raccolte, fin qui 70, sono destinate ad aumentare nei prossimi giorni perché il malcontento è evidente. Nella petizione, i firmatari chiedono di mantenere il capolinea del 15 in via Brissogne.

«Il Martini – affermano – è già ben collegato grazie alla linea 42, alla vicina linea 1 della metro, alla linea 64 e anche dalla stessa linea 15 che attualmente ha una fermata in via Monginevro angolo via Marsigli. Se ci tolgono il 15, che alternativa avranno studenti, lavoratori e tutti i cittadini che devono muoversi da Borgata Lesna verso altri quartieri?». Anche la circoscrizione Tre è contraria al tram “accorciato”. La scorsa settimana, si è tenuta una commissione alla presenza dei tecnici Gtt, i quali hanno assicurato che il disagio verrà in parte compensato con l’arrivo di bus elettrici. «Se il Comune non cambierà idea, chiederemo che parte di quei 9 milioni venga destinata al ripristino delle strade e dei marciapiedi ammalorati di Borgata Lesna», così Elisabetta Malagoli, coordinatrice alla Viabilità nella Tre.

Per Valentino Magazzù, consigliere Pd, le alternative a via Tofane non mancherebbero. «Si può fare il capolinea in strada della Pronda dove c’è spazio a sufficienza per le nuove vetture da 28 metri, oppure – spiega – estendere la linea 15 fino a Grugliasco per consentire l’interscambio con la stazione Sfm5 di Grugliasco-Le Gru, in costruzione, e con la stazione Fs di Grugliasco. L’importante è non tagliare fuori Borgata Lesna dalle corse».

Dello stesso avviso anche l’ex consigliere della 3, Vincenzo Grassano: «Sarebbe un autogol pazzesco». Secondo Gtt, il capolinea non poteva più rimanere in via Brissogne per ragioni infrastrutturali, perché le nuove carrozze, le giapponesi Hitachi, hanno una lunghezza di 28 metri. Da qui l’idea di limitare il 15 in via Tofane, anche per servire meglio il Martini. Così ha fatto Palazzo Civico, che ha chiesto soldi al Ministero dei Trasporti – 2,4 miliardi totali – per lo sviluppo di metro, tram e busvie.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo