(foto di repertorio)
News
E’ accaduto a Beinasco. Le violenze sarebbero avvenute tra ottobre e dicembre del 2019

Pestato in casa e derubato per un presunto debito: arrestata coppia di torinesi

Vittima colpita al volto con una mazza: gli aggressori pretendevano la restituzione di 50mila euro. Minacciata anche la madre

Picchiato a casa sua per un presunto debito di 50mila euro. E’ successo a Beinasco dove un uomo di 35 anni, secondo quanto accertato dai carabinieri della compagnia di Moncalieri, è stato aggredito da una coppia di torinesi, 35 anni lui, 25 lei, arrestati poi con l’accusa di rapina, lesioni ed estorsione.

LA VITTIMA DENUNCIA TUTTO AI CARABINIERI
Le indagini dei militari dell’Arma sono partite dalla denuncia presentata dalla vittima, nell’ottobre dello scorso anno. L’uomo ha raccontato alle forze dell’ordine di una aggressione subita nella sua abitazione, da parte di una coppia con successiva richiesta estorsiva subita anche dalla madre. Le violenze, secondo quanto denunciato, sarebbero avvenute tra i mesi di ottobre e dicembre del 2019.

COLPITO CON UNA MAZZA DI SCOPA
La coppia di torinesi, che, secondo le risultanze investigative, orbiterebbe negli ambienti dello spaccio di droga e della prostituzione, si sarebbe presentati a casa dell’uomo, intimandogli di dargli dei soldi. A quel punto lo avrebbero colpito al volto con un manico di scopa procurandogli delle lesioni. Infine gli avrebbero portato via due telefonini cellulari.

MINACCIATA ANCHE LA MADRE
In un secondo momento i due aggressori avrebbero anche contattato la madre del 35enne minacciandola che le avrebbero ucciso il figlio qualora questi non avesse saldato il suo debito versando loro 50mila euro.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo