Fca
Economia
STELLANTIS Le paure dopo le dichiarazioni di Tavares

Persi quasi 6mila posti, i fornitori Fca tremano: «Intervenga lo Stato»

Il grido di allarme del settore componentistica auto che a marzo potrebbe essere sottomesso ai francesi

Dopo le dichiarazioni dell’amministratore delegato di Stellantis, che ha anticipato il piano industriale di marzo, le aziende che lavorano nel comparto della componentistica automotive, sopratutto i piccoli fornitori, tremano. Un po’ per il caro energia e materie prime che ha rallentato la produzione e soprattutto per la transazione elettrica in atto, tante aziende hanno già chiuso i battenti perché i costi sono diventati insostenibili. Fanno impressione i numeri del 2021 resi noti dalla Fiom che parlano di ben 4mila lavoratori nel settore componentistica rimasti a casa e ben 1.700 che lavoravano a Mirafiori. Quasi 6mila persone che hanno perso il lavoro tra chiusure di stabilimenti ed esuberi. E il timore e che anche quest’anno avvengano altri tagli.

Ipotesi non smentita dallo stesso Tavares. Una paura che si riscontra anche nel silenzio assordante delle aziende (il 78% lavorano con Fca) che preferiscono non esporsi. Lo fanno invece le associazioni di categoria. «C’è forte preoccupazione nel settore della componentistica per via del processo di elettrificazione non facile da attuare in tempi brevi e la polarizzazione di Stellantis che sembra voler privilegiare le aziende francesi a discapito di quelle italiane e piemontesi – spiega il vicepresidente del Gruppo Componenti Anfia, Marco Rollero -, le nostre aziende sono molto improntate sulla produzione di motori termici, e la nostra filiera si sta muovendo in ritardo sull’elettrico rispetto a quella francese anche perché Fca si è mossa più tardi rispetto a Psa.

Le recenti affermazioni di Tavares ripercorrono argomenti simili, che generarono inquietudine in Inghilterra quando venne annunciata la fusione con Opel Vauhxall». I timori riguardano un calo di produzione anche per l’anno corrente. «Quest’anno a livello globale si sono fatti 7 milioni di auto in meno e prevedo un’altra contrazione, non certo i 100 milioni che ci si attendavano dopo il 2019» spiega Rollero che ci tiene a fare un’altra considerazione: «Produrre meno vetture, anche non elettriche ma di ultima generazione, significa tenere vecchie auto più a lungo e quindi, di fatto, si inquina di più».

C’è molta incertezza e confusione. Tavares ha detto che i costi di produzione in Italia sono troppo alti ma ha anche appena annunciato la produzione dei motori Euro 7 nello stabilimento di Pratola Serra nel 2023. «Sarebbe bene poter rallentare questo processo di elettrificazione che rischia di far chiudere i battenti ai piccoli imprenditori che si occupano della lavorazione meccanica» sottolinea Alberto Russo, presidente Uniontessile-Confapi, che coordina la nuova “filiera della mobilità” che riunisce circa 500 aziende piemontesi, gran parte delle quali operanti. nel settore automotive.

A tal proposito la Camera di Commercio di Torino ribadisce la necessità di aiuti al settore da parte del governo: «La componentistica piemontese, con oltre 700 aziende (33,5% del totale nazionale), ha fatturato nel 2020 15,8 miliardi di euro (35,8% del fatturato italiano) continua a rappresentare un comparto chiave per il nostro territorio e per l’Italia intera, ma siamo chiaramente di fronte a una trasformazione epocale che gli imprenditori non possono affrontare da soli, soprattutto in Piemonte dove sono a rischio migliaia di posti di lavoro – spiega il presidente, Dario Gallina -. È quindi necessario che il settore auto sia collocato tra le priorità dell’agenda politica nazionale per accompagnare le nostre aziende verso le trasformazioni più urgenti imposte da transizione ecologica, elettrificazione e automazione. È inoltre auspicabile anche a livello di territorio una visione comune e l’accelerazione dei progetti in corso per supportare le pmi della filiera, per esempio i bandi per ottenere i fondi dell’area di crisi complessa».

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Gruppo Gheron
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo