Fonte: Depositphotos
Cronaca
IL CASO L’allarme dei sindacati in vista del corteo di domani

Persi 30mila posti. Un lavoratore su 5 è a rischio povertà

I disoccupati in Piemonte sono ormai 164mila. Contratti a tempo determinato cresciuti al 14%

Trentamila posti di lavoro andati in fumo in Piemonte negli ultimi dieci anni, la metà dei quali nel territorio torinese. E poi contratti a tempo determinato che continuano a salire, sono il 14% del totale, un tasso di disoccupazione all’8,2% (in Piemonte sono 164mila le persone senza lavoro, 96mila nella sola provincia di Torino) con l’inclusione nella categoria dei “working poor” – soggetti a rischio povertà nonostante percepiscano uno stipendio – che coinvolge ormai un lavoratore su cinque.

Sono questi i dati che fanno da cornice alla manifestazione di domani presentata ieri dai segretari di Cgil, Enrica Valfrè, Cisl, Domenico Lo Bianco, e Uil Torino, Gianni Cortese, a Palazzo Civico. “Lavoro, diritti, Stato Sociale” i temi che verranno portati all’attenzione dalle tre sigle sindacali durante il corteo e il comizio che si svolgerà in centro città: manifestazione che ha il patrocinio di Comune, Città Metropolitana e Regione che saranno presenti al corteo con i loro gonfaloni.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo