bremer
Sport
QUI TORO

Per Bremer numeri da top: «Al primo posto in Europa». Ma ora Cairo deve blindarlo

In scadenza nel 2023, piace a Napoli, Milan e in Premier

«Bremer? Vuole segnare sempre, è fissato. Infatti era arrabbiato per aver sbagliato altre palle gol». Parola di Ivan Juric, uno che il brasiliano lo vede sempre al lavoro sul campo tutti i giorni al Filadelfia. Ebbene, il centrale granata è il difensore che ha segnato più gol (sei) nel 2021 in Serie A e nessuno ha fatto meglio di lui nei maggiori cinque campionati europei nello stesso periodo. Una vera e propria risorsa per la rosa granata. Non solo in fase offensiva però. Bremer è anche il miglior difensore in Serie A per palloni intercettati (48), duelli vinti (91) e palle recuperate (105). Con il secondo gol stagionale messo a segno lunedì sera contro l’Udinese, il difensore ex Santos ha toccato quota 10 reti nella massima serie con la maglia granata, raggiungendo un totem della recente storia del club di via dell’Arcivescovado, ovvero l’ex capitano Glik, un altro difensore con il vizio del gol, autore di 10 reti con la maglia granata. Il record per un difensore con il Toro. «E’ stata una bella vittoria», ha detto a caldo il difensore brasiliano, al termine della sfida andata in scena al Grande Torino. «Io in doppia cifra? Per me è importante segnare – ha aggiunto -, cerco di migliorare sempre, ma l’obiettivo è innanzitutto quello della squadra, poi con i gol si prende fiducia». La squadra è andata di corsa ad abbracciare il portierone serbo Milinkovic-Savic: «Senza la sua parata sarebbe finita diversamente», ha detto.

I numeri sopra elencati, però, continuano ad alimentare l’interesse delle big sia italiane sia straniere. Bremer, infatti, continua a essere seguito da alcune formazioni di Premier League (vedi Liverpool) ma anche dalle due attuali capoliste di Serie A, ovvero Milan e Napoli. La dirigenza granata per non perdere uno che ha tutte le caratteristiche per diventare un top player sta provando a blindarlo fino a oltre il 2023, scadenza naturale del contratto del brasiliano. L’intesa, per ora, sembra essere lontana. Serve trovare un’intesa al più presto. Per non commettere altri passi falsi.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo