Pensionato muore
Cronaca
IL CASO

Pensionato muore solo in casa: lo ritrovano venti giorni dopo

Nelle case Atc di via De Bernardi. Il corpo dell’81enne ritrovato sul pavimento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

A dare l’allarme sono stati i suoi vicini di casa, che da un po’ di tempo non lo vedevano più uscire e avevano sentito un fetore terribile provenire dal suo appartamento. Quando la polizia è arrivata sul posto, alle case popolari di via Lamberto de Bernardi, gli agenti sono entrati nell’alloggio e hanno trovato il cadavere in uno stato di decomposizione già avanzato. Raffaele, 81 anni, era infatti morto da almeno venti giorni, forse addirittura un mese. Ed è solo l’ultima persona che si aggiunge a l l’elenco, numeroso, delle vittime dei cosiddetti “drammi della solitudine”. Uomini o donne che vivono da soli, senza più parenti o amici, e che magari il naso fuori di casa non lo mettono quasi più. E se ne vanno così, dimenticati, nell’indifferenza generale, come capitato in altre circostanze, ad esempio a Borgaretto lo scorso ottobre, quando un 69enne era stato trovato in casa morto da una settimana. Oppure a None a febbraio 2020, col ritrovamento di un 50enne ormai mummificato perché il decesso era sopraggiunto da sei mesi. L’allarme lo danno quasi sempre i vicini, come successo, appunto, nel comprensorio Atc di via de Bernardi angolo corso Tazzoli, in zona Borgo Cina. L’appartamento del signor Raffaele si trova al piano rialzato all’interno 40. I vicini di casa hanno chiamato la polizia perché la puzza era diventata insopportabile. Sul posto è intervenuta una volante del commissariato San Secondo, poi l’ambulanza e il medico legale. Il corpo dell’anziano, che stando ai racconti degli altri condomini soffriva di una cardiopatia, non è stato rinvenuto sul letto, bensì riverso sul pavimento. Il medico legale ha accertato la morte per cause naturali. L’uomo non usciva più di casa da tempo, e non aveva nessuno che veniva a fargli visita. I vicini lo descrivono come «una brava persona, che non dava fastidio a nessuno». Sempre secondo i racconti del vicinato, l’anziano aveva un fratello. Quando i necrofori hanno portato via il corpo senza vita dell’uomo, l’appartamento al piano rialzato è stato messo sotto sequestro dalla polizia

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo