pazienti-vista
News
AVIGLIANA

I pazienti perdono la vista ma non ci sono colpevoli

Accolta la richiesta del procuratore che aveva chiesto l’assoluzione del medico

È stato assolto il dottor Luigi Fusi, che era accusato di avere fatto perdere la vista da un occhio, nel 2017, a quattro pazienti operate di cataratta nell’ambulatorio pubblico di Avigliana. Ieri la corte ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto Vincenzo Pacileo, che, a sorpresa, ha chiesto di non condannare l’oculista, dopo aver valutato una perizia tecnica dalla quale emerge che non è possibile capire chi sarebbe responsabile dell’infezione che colpì le vittime.

In assenza di un nesso di causalità definito, l’accusa ha scelto di chiedere l’assoluzione di Fusi, assistito dagli avvocati Paolo Pacciani e Pietro Cravetto. I difensori hanno sempre sostenuto che il batterio responsabile delle gravi lesioni fosse rarissimo e che dunque fosse impossibile accertare una colpa riguardo alla disgrazia che colpì le parti lese, tutte risarcite.

La richiesta di assoluzione è stata un colpo di scena del processo. Durante le prime udienze, era emerso un quadro che non deponeva a favore dell’imputato.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo