Giannizzero
Parole Parole Parole
La rubrica

Parole parole parole

Le origini dei termini giannizzero, moschettiere, carabiniere e bersagliere

GIANNIZZERO I migliori soldati che servirono i sultani ottomani erano stati in realtà dei cristiani. Venivano chiamati giannizzeri ed erano i soldati scelti delle antiche fanterie turche. I giannizzeri erano forzatamente reclutati tra i giovani di famiglie cristiane, strappati alle loro famiglie nei territori conquistati dai turchi o rapiti dai pirati che pattugliavano le coste dell’Italia meridionale. Ai ragazzi veniva proposto di essere istruiti nell’Islam: venivano resi fanatici a tal punto da essere considerati più fedeli degli stessi sudditi musulmani. I migliori giannizzeri diventavano la guardia del corpo del sultano.

MOSCHETTIERE Tutti conosciamo i “tre moschettieri ”, opera celebre di Dumas. Ma cosa vuol dire questa parola? Così erano denominati i soldati armati di moschetto, istituiti nel sec. XVI in Italia e in Francia.

CARABINIERE Il nome può sembrare legato all’Italia; invece, il termine carabiniere deriva dal francese carabinier, a sua volta dipendente da carabine, la carabina, arma tipica dei secoli XVI-XVII.

BERSAGLIERE Cosa c’entrano i bersaglieri con il bersaglio? C’entrano eccome: perché l’istituzione del corpo dei bersaglieri prevedeva un addestramento che li rendesse molto abili al tiro al bersaglio. Da qui, il nome del corpo dei bersaglieri.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo